Imprenditori CNA: “Garantita la sicurezza. Ora zero burocrazia, credito agevolato e progettualità per riaccendere l’economia”

173
cna viterbo

Sono ripartite l’edilizia e il manifatturiero. Da questa mattina, l’85 per cento delle imprese artigiane sono al lavoro, seppure con i motori al minimo e spesso con pesanti limitazioni. Mancano all’appello importanti attività di servizio, come i centri di acconciatura, di estetica e di tatuaggio, per i quali CNA ha chiesto l’immediato riavvio.

Chi non ha mai chiuso e chi ha riaperto già da qualche settimana, ha adottato rigorose misure di prevenzione del contagio da Covid-19. Così chi è rientrato oggi in azienda. “Con grande senso di responsabilità, gli imprenditori applicano il protocollo sottoscritto dal governo e dalle parti sociali per garantire adeguati livelli di protezione nei luoghi di lavoro e i codici di autoregolamentazione che CNA ha predisposto per tutte le categorie”, affermano Angelo Pieri e Alessio Gismondi, rispettivamente presidente e vicepresidente della CNA di Viterbo e Civitavecchia

Per Pieri, oggi è stato il primo giorno di lavoro nei cantieri dopo due mesi di fermo. Imprenditore edile della Tuscia, fa parte di quel mondo – le costruzioni – che da solo rappresenta quasi il 50 per cento dell’universo artigianato. “È complessa la gestione della sicurezza in un cantiere, ma la scorsa settimana – racconta – ci siamo preparati per attuare correttamente le procedure previste, nel nostro caso, dallo specifico protocollo siglato con le categorie dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e da quello del Lavoro e delle Politiche Sociali, rivolgendo la massima attenzione alle operazioni di sanificazione necessarie. Ed abbiamo informato e formato i lavoratori sulle precauzioni anti-contagio. Ciò, grazie all’assistenza di CNA Sostenibile, che ci ha guidato in ogni passo, dall’aggiornamento del documento di valutazione dei rischi alla predisposizione della cartellonistica che è obbligatorio installare in cantiere. Stamane, all’ingresso, abbiamo proceduto alla misurazione della temperatura dei lavoratori con il termoscanner, alla consegna del kit con i dispositivi di protezione e dei moduli che gli addetti sono tenuti a visionare e a firmare”.

“La salute è un bene fondamentale e l’impegno per tutelarla è massimo. Vogliamo però – sottolinea Pieri – che questa fase serva a porre mano sul serio a una radicale sburocratizzazione, naturalmente nel rispetto della legalità, allo sblocco dei debiti della pubblica amministrazione entro questo mese e, per l’edilizia, alla sospensione del Codice Appalti nel 2020-2021”.

Per Gismondi, falegname e designer, questa è una giornata dedicata a riordinare, insieme con i collaboratori, gli spazi del laboratorio di Civitavecchia, dopo gli interventi di pulizia e igienizzazione dei giorni scori. “Anche per la mia attività è centrale il tema della sicurezza. Il periodo di blocco, lo abbiamo utilizzato – dice Gismondi, che è anche presidente della CNA di Civitavecchia e componente della presidenza nazionale di CNA Produzione – per elaborare linee guida ispirate a un rapporto di assoluto rispetto tra produttore e cliente. Sono già pronti due vademecum, uno per il montaggio di serramenti e infissi, l’altro relativo ai mobili”.

“L’obiettivo – spiega – è quello di assicurare che nell’esecuzione del lavoro il personale dell’impresa adotti le precauzioni indicate nei protocolli, dalla distanza interpersonale all’uso dei dispositivi di protezione, e nello stesso tempo l’ambiente in cui ci si troverà ad operare non sia pericoloso per la salute”. Ora, subito all’opera. “E’ un momento molto difficile, ma dobbiamo rimboccarci le maniche”, è convinto.

Sono tornati nelle botteghe gli artigiani dei mestieri d’arte. La loro, è una presenza fondamentale nel tessuto sociale, culturale e produttivo delle nostre città. “Sì, l’artigianato artistico rappresenta un grande patrimonio per il nostro Paese e per questo deve essergli assicurato un sostegno robusto e mirato – è il parere di Lucia Maria Arena, presidente di CNA Artistico e Tradizionale di Viterbo e Civitavecchia -. Sicuramente la ripartenza sarà per noi molto più lenta e difficile, perché l’economia è in sofferenza e il turismo, settore vitale anche per le nostre piccole e piccolissime realtà, è bloccato e non si sa quando riuscirà a rimettersi in moto. Insomma, lavoreremo su nuovi progetti, ma dovremo faticare tanto”.

Ha tirato su la saracinesca in mattinata anche Marco Bracci, titolare di un’impresa a Civita Castellana, portavoce degli artigiani del settore della lavorazione dei metalli per CNA Artistico. Si affaccia alla fase 2 con le idee chiare: “I tempi ci impongono una profonda riorganizzazione del lavoro e una diversa gestione dei costi aziendali. Nonostante il fermo, abbiamo mantenuto l’occupazione e siamo pronti a partire. Ma il governo deve ascoltarci. C’è bisogno di una forte immissione di liquidità: credito agevolato, garantito al 100 per cento dallo Stato e con restituzione fino a dieci anni”.

Ripartire, insomma, significa accelerare sulla eliminazione delle distorsioni di cui il sistema economico soffre da troppo tempo e sugli investimenti in grado di mettere le imprese nella condizione di riprendere il cammino con fiducia.

CNA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui