Insieme per la sicurezza e la memoria storica è il motto. Essere vicini alla cittadinanza e conoscere la storia

102

Nei giorni 2 , 3 e 4 giugno si terrà a Viterbo il 27esimo Raduno Nazionale dei Vigili del Fuoco del corpo nazionale, grazie alla collaborazione con il Comando dei Vigili del fuoco di Viterbo, in stretta sinergia con il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile presso il ministero dell’Interno, con il patrocinio della Regione Lazio, dell’amministrazione provinciale e del Comune di Viterbo.

Sarà un abbraccio ideale fra i Vigili del Fuoco e la cittadinanza.
Per presentare l’evento si è tenuta ieri , 30 maggio, presso la sala consiliare di Palazzo Dei Priori una conferenza stampa con la partecipazione del commissario prefettizio dottoressa Antonella Scolamiero,
del Cavalier Antonio Grimaldi presidente nazionale dell’associazione, dell’ingegner Eros Mannino, direttore regionale dipartimento VVF, dell’ingegner Franco Feliziani, comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, dell’ ingegner Giuseppe Loberto, dell’ingegner Gioacchino Giomi, presidente onorario dell’ANVF e di Domenico Lattanzi.

La dottoressa Scolamiero ha fatto il punto sull’attività operativa, di studio e di approfondimento dell’ANVF e dei Vigili del Fuoco. “Il raduno sarà l’occasione per mostrare le attività dei Vigili del Fuoco. Mi farebbe piacere che la città non fosse ricordata solo per Santa Rosa, ma anche per queste giornate importanti.” – ha sottolineato.
L’ ing. Feliziani ha detto che l’evento è stato pensato diversamente rispetto al passato e che il raduno costituirà un modello anche per il prossimo anno.
Il dott. Mannino ha ribadito l’importanza della cultura della sicurezza.

Questa edizione del raduno Nazional, la prima dopo lo forzata interruzione dovuta all’emergenza sanitaria, sarà incentrata sul messaggio della sicurezza e la memoria storica, essendo scopo principale della manifestazione promuovere la cultura della sicurezza nei diversi ambiti della vita individuale e associata anche attraverso la custodia e la valorizzazione delle tradizioni dei Vigili del Fuoco.

È stato illustrato un articolato programma della manifestazione per la quale si prevedono una forte affluenza e un’elevata esposizione mediatica anche a livello nazionale.

Il programma comprende numerosi eventi a carattere sia specialistico che divulgativo culminanti nella giornata di sabato 4 giugno con la sfilata di uomini e mezzi per le vie città.


Con il raduno di quest’anno l’associazione nazionale dei vigili del fuoco torna idealmente a casa perché proprio a Viterbo è nato il sodalizio che custodisce la memoria storica e le tradizioni di tutti i pompieri d’Italia. Da qui mosse i primi passi all’inizio degli anni . Sarà un’occasione in più per unire, in un ideale abbraccio, nel segno della continuità i vigili del fuoco di oggi e di ieri, per promuovere la tutela dei più alti valori umani e sociali ispiratori della quotidiana missione di ogni appartenente al Corpo Nazionale.

Il dott. Giomi ha evidenziato:”L’Associazione è poliedrica e raggruppa l’avere a cuore la missione dei vigili del Fuoco. Il raduno è nato con la volontà di far partecipare appieno la popolazione, in accordo anche con la presidenza nazionale.
In pompieropoli con i bambini si diffonderà la cultura della sicurezza. Potranno partecipare anche i diversamente abili, perchè una componente specifica si occupa di disabilità.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui