#iononapro, cresce il fronte dei contrari all’apertura dei ristoranti

330
Apertura sì, apertura no….
E’ sempre più accesa la polemica, sul fronte ristorazione, in merito alla manifestazione nazionale #ioapro1501 che ha raccolto, sul fronte dei favorevoli, oltre 50000 adesioni in tutta Italia.
Tantissimi, d’altro canto, anche quelli contrari che vedono nell’iniziativa molta approssimazione e scarse possibilità di riuscita.
Uno di questi è Mirko Zuffi, operatore del settore ed esponente del Mio (Movimento Imprese Ospitalità) che, sulla sua pagina facebook ha postato una lunga disamina delle due “fazioni” contrapposte.
“• IO NON APRO •
(Dedicato al settore Horeca)
Sono 10 mesi che combattiamo questo sistema che ci sta decimando ed i primi che arrivano -sfruttano come sciacalli- le disgrazie altrui proponendo un’apertura forzata senza una logica, senza un piano coordinato che spieghi ai “palazzi” il perché; “apriamo e basta e magari ci multano” e propongono ai clienti (cosa più grave) di entrare fare un selfie ed andar via “perché non venderanno cibi e bevande” (infischiandosene delle regole)!
RAGIONATE CON IL CERVELLO, NON CON IL PORTAFOGLIO, perché rimarrà comunque vuoto, perché per smascherare le menzogne di questo Governo,Paolo Bianchini – Mio Italiasi è spaccato in quattro (insieme a tutta l’associazione) per ottenere risultati tangibili e “a beneficio di tutti”.
M.I.O Italia

si dissocia, senza se e senza ma, da questa forma di protesta -totalmente- sbagliata e i locali degli aderenti al nostro Movimento esporranno un cartello con scritto IO NON APRO.

Si dice che saranno almeno 50mila gli esercenti che sfideranno i divieti): oltre ad essere un numero molto basso, a livello nazionale, consentirà alle forze dell’ordine di applicare le sanzioni a tutti, senza alcuno sforzo.
“Così, non solo chi apre avrà una perdita certa, ma subirà anche il danno della multa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui