Iraniano clandestino trovato dalla Polmare nascosto in un tir

Gli agenti insospettiti dai rumori che provenivano dal mezzo parcheggiato sulla banchina 21 del porto di Civitavecchia

181

Il personale della Polizia di frontiera, diretto dalla dottoressa Lorenza Ripamonti, ha scoperto un clandestino a bordo di un tir proveniente dalla Bulgaria parcheggiato nei pressi del molo 21 del porto di Civitavecchia.

La Squadra Volanti, intorno alle 19 di ieri, mentre svolgeva il servizio di pattuglia è stata allertata dal personale del Servizio di Sicurezza sussidiaria che aveva udito dei rumori provenienti dal semirimorchio del Tir. Immediatamente, considerata la momentanea assenza degli autisti del mezzo, è stato
chiesto l’intervento del Vigili del Fuoco per poter aprire il portellone e del 118 nel caso in cui si fosse reso necessario l’intervento di personale sanitario.

All’interno del Tir, seduto sulla merce trasportata è stato trovato un cittadino straniero che non parlava né la lingua italiana, né alcuna lingua europea, ma faceva capire di stare in buona salute e di essere di nazionalità iraniana. Poiché gli autisti del Tir informavano gli agenti della presenza di altri due semirimorchi della stessa ditta che avevano effettuato lo stesso tragitto dalla Bulgaria passando per la Grecia alla volta di Brindisi, i controlli si sono estesi anche agli altri due mezzi. A causa del consistente carico stipato è stato contatto il locale Ufficio delle Dogane, per poter effettuare una ispezione sui rimorchi mediante radiogeno mobile, ma il controllo non ha rivelato la presenza di persone nascoste a bordo dei mezzi.

L’interrogatori degli autisti non ha rilevato responsabilità a loro carico ed il clandestino è stato condotto presso l’Ufficio Immigrazione di Roma per i provvedimenti di rito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui