“La Giraffa” di Bomarzo agita il mondo artistico della Tuscia

462

“La Giraffa” di Bomarzo agita gli animi artistici della Tuscia.

No, non si tratta di un esemplare del maestoso animale dal collo lungo che si aggira nel paese del Parco dei Mostri, ma di un’installazione risultata, di recente, vincitrice di un bando della Regione Lazio: “Lazio Contemporaneo” volto a sostenere la realizzazione di opere d’arte di giovani artisti e creativi del territorio.

Questo il dettaglio delle motivazioni della selezione:

“La Dramaturgie di Marco Vaccari, a Bomarzo, presenta il progetto“Giraffa”:un’installazione di circa 4 metri e mezzo di altezza, per 10 metri di lunghezza, che si ispira alle pensiline delle stazioni di servizio anni ’50.

L’opera monumentale, realizzata interamente in metallo, punta a diventare un centro di socialità e di cultura, adatta a ospitare una grande varietà di eventi, armonizzando il razionalismo novecentesco con il gusto tutto rinascimentale per il grottesco e l’assurdo che richiama le figure del Sacro Bosco di Bomarzo.

Di tutt’altro avviso il parere di un autorevole pittore e scultore della Tuscia: Tommaso Cascella, testimone di un’eredità plurigenerazionale di artisti.

Cascella non sembra apprezzare la scelta dei progetti vincitori, tanto che in un post scrive:

“A proposito dello sciagurato progetto di Vaccari. Ditemi cosa c’entra questa pensilina (inutile) con Bomarzo.

Si è perso completamente il senso delle cose! e poi dove andrebbe? vittorioso di un premio regione Lazio … ma chi è in commissione?”

Un commento che ha dato la stura ad una serie di reazioni, tutte allineate sul medesimo pensiero:

“Sia l’ ideatore della pensilina che la commissione non hanno mai visto il luogo, non conoscono Bomarzo, la sua storia è non gliene frega niente sia di Bomarzo che di qualsiasi altro contenuto.”

“Orribile, possibile non ci sia mai limite alle improvvisazioni senza logica”

“Terrificante”….

Si tratta, insomma, di una polemica che non sembra destinata a placarsi nell’immediato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui