Intervista al senatore Umberto Fusco che sprona a fare presto perché i tempi sono stretti, probabile voto tra inizio o fine maggio

“La Lega sta lavorando, siamo già proiettati alle Comunali di primavera”

121

Una scelta sofferta. Una frase ripetuta da diversi esponenti della Lega, ieri durante la conferenza stampa per illustrare le motivazioni, politiche e amministrative, che hanno portato a compiere il drastico passo di far cadere l’amministrazione comunale di Viterbo.

Ora è tempo di voltare pagina e pensare alle elezioni anticipate di primavera.

Come dichiara il senatore Umberto Fusco: “Noi siamo proiettati già da qualche giorno al prossimo appuntamento. Stiamo lavorando. Intanto abbiamo anche raccolto le idee e i suggerimenti di tutti i componenti del partito e particolarmente degli attori principali che sono stati coloro che hanno guidato e sono stati in amministrazione comunale dal 2018 ad oggi”.

Già ieri pomeriggio, dopo la conferenza stampa, si è tenuta un’altra riunione della Lega.

“Siamo orientati a fare presto perché i tempi sono stretti. Tra quattro mesi, 120 giorni, noi saremo alle elezioni. Molto probabilmente o i primi di maggio o a fine maggio si terrà la competizione elettorale di primavera. Considerando la presentazione delle liste, i tempi si riducono ulteriormente”.

“I problemi sono tanti. – sottolinea il vice coordinatore regionale dei salviniani – Viterbo è una città bellissima, e oggi il Covid ci impone impegno e responsabilità e dobbiamo fare presto. Il giorno dopo le elezioni, sperando di essere ancora noi a guidare questa città, dobbiamo ripartire”.

Quando oggi parla di riunioni si riferisce solamente a quelle interne alla Lega o già sono previste quelle con Fratelli d’Italia?

“Noi parleremo con il gruppo di Fratelli d’Italia con cui c’è un’intesa già a livello provinciale e vorremmo ripartire da lì anche a livello comunale. Per questo ci incontreremo presto con gli amici di Fratelli d’Italia, oggi i due maggiori partiti, e insieme dialogheremo per avere un’idea su come interpretare queste elezioni e vincere”.

Su Viterbo c’è da ragionare, invece a Rieti è già tutto stabilito?

“A Rieti tutto fatto. Ho avuto il piacere e l’onore di essere presente, invitato come esponente istituzionale e regionale in quell’occasione. Lì è stato deciso che il centrodestra si presenta unito con il candidato sindaco di Fratelli d’Italia”.

Centrodestra unito, quindi anche con Forza Italia?

“A Rieti sì, qui a Viterbo non è possibile dato il problema che si è verificato in Provincia, come è accaduto anche in altre parti. Però la politica è anche questo. Noi andiamo avanti nel rispetto delle esigenze e delle emergenze in atto ma specialmente nel rispetto dei cittadini”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui