La Loggia delle Benedizioni è in pericolo, perché non ricostruire anche il prospetto nord crollato nel 1483?

Il sopralluogo dei Vigili del Fuoco non ha lasciato dubbi: urge un intervento

221
La Loggia 2 palazzo dei papi
La Loggia di Palazzo dei Papi. Foto di Giovanni Faperdue

sagginiEra l’anno 1267 quando il Capitano del Popolo, Andrea di Beraldo Gatti (nipote di Raniero Gatti), fece erigere la Loggia delle Benedizioni. Essa era dotata di un tetto e di un doppio prospetto, uno sulla Piazza S. Lorenzo ed uno sulla Valle Faul.

Nel 1483 il lato che guardava la Valle Faul (all’epoca detta Valle del Tignoso) crollò malgrado fosse stato tamponato per impedire questa evenienza, e non fu mai restaurato. Adesso, dopo un sopralluogo dei Vigili del Fuoco, siamo venuti a conoscenza che anche quella magnificenza di traforo di archi e di esili colonne in peperino, che si mostra con superba bellezza, ai turisti e ai visitatori della nostra bella Viterbo, è in pericolo di crollo. Per chi non conosce la storia di quella Loggia è bene ricordare che per lungo tempo essa è stata tutta riempita di muratura provvisoria, per salvaguardarne la stabilità.

Poi nell’anno 1904 essa fu restaurata completamente, e furono anche ricostruite alcune parti delle esili colonnine in peperino rovinate. Adesso, come un fulmine a ciel sereno, è arrivata la notizia, che è necessario un sollecito restauro. Nessuno si aspettava un allarme del genere, Quindi dopo il cedimento di piccoli pezzi di peperino dalla facciata del Duomo, adesso c’è quest’altra sorpresa. E’ stato anche fatto un preventivo di massima del costo dell’opera di messa in sicurezza e restauro, che si aggira intorno ai 200.000 euro. Tale costo dovrebbe essere ripartito tra la Curia di Viterbo e la Soprintendenza del Lazio.

Foto di Giovanni Faperdue

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui