La Malfa, il ricordo a 40 anni dalla sua scomparsa

Domani alle ore 17.00, nella sala consiliare del Comune di Rieti, verrà ricordata la figura di Ugo La Malfa, a 40 anni dalla sua scomparsa.

164
La Malfa

Domani alle ore 17.00, nella sala consiliare del Comune di Rieti, verrà ricordata la figura di Ugo La Malfa, a 40 anni dalla sua scomparsa avvenuta il 26 aprile del 1979, a causa di una emorragia cerebrale.

Tra i fondatori del Partito D’Azione nel 1942, aderì in seno all’Assemblea Costituente nel 1946 al Partito repubblicano Italiano e fu ininterrottamente deputato dal 1948 fino alla sua morte. Segretario del PRI dal 1965 al 1975, ebbe molti incarichi di governo.

Per tracciarne un profilo umano e politico, un comitato umbro-sabino, coordinato dall’ing. Stefano Bufi, ha deciso di dedicare due incontri all’uomo di stato palermitano che si terranno a Terni e a Rieti.

All’incontro nel capoluogo sabino parteciperà il prof. Paolo Soddu, ricercatore di storia contemporanea presso il Dipartimento di Studi Storici dell’Università di Torino e autore della biografia “Ugo La Malfa, il riformista moderno” edito da Carocci nel 2008.

All’avv. Gianfranco Paris, segretario provinciale del Partito Repubblicano nel 1979, spetterà invece il compito di ricordare la politica reatina del partito nel solco del pensiero di La Malfa.

Il Partito Repubblicano, fondato nel 1895 sul solco tracciato dal pensiero e l’azione di Giuseppe Mazzini, è stato un protagonista della vita politica italiana nella prima repubblica. Pur non avendo mai avuto enormi consensi, grazie al sistema elettorale proporzionale che lo hanno spesso reso indispensabile per costituire maggioranze di governo, ha avuto un ruolo centrale nelle istituzioni esprimendo anche un Presidente del Consiglio.

La città di Rieti ha visto un repubblicano, Ettore Saletti, sindaco dal 1974 al 1982.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui