La merenda giusta fa crescere in salute

Un’indagine ha messo a confronto mamme di tutto il mondo. Le italiane danno più spazio ai capricci dei figli e alle marche. Rischio obesità da scorretta alimentazione

0
110
Merenda

Scegliere la merenda giusta per i nostri figli non è stato mai così difficile. Il mercato offre un’ampia scelta ma spesso sono le mode a dettare legge. E non sempre ciò che sembra più appetibile e in grado di soddisfare il gusto dei più piccoli, è anche salutare.

I fuori pasto sono un momento essenziale dell’alimentazione dei ragazzi che nel momento della crescita hanno bisogno di un apporto calorico più importante di quello dei grandi. Ma questa considerazione può portare a considerare snack che sono ipercalorici e ricchi di grassi e zuccheri e quindi causa di sovrappeso fino a forme di obesità infantile, pericolose al pari di quelle dell’età adulta. Anzi, ricerche scientifiche hanno dimostrato che i problemi con il peso insorgono con maggior frequenza in quegli individui che sin dalla giovane età aveva una alimentazione sbagliata, con abbondanza di zuccheri e grassi. Insomma un bambino in sovrappeso ha grandi probabilità di diventare un adulto obeso.

Il nostro Paese è tra quelli maggiormente interessati dal fenomeno dell’obesità infantile.

Il Food Research International ha svolto un’indagine sulle merende di quattro stati: Italia, Polonia, Olanda e Indonesia selezionando una settantina di mamme con (almeno) un figlio fra 2 e 7 anni. Alle mamme è stato chiesto quali erano i criteri di scelta dei fuoripasto e in che misura la scelta era influenzata dalle richieste dei bambini.

E’ emerso che per le mamme italiane e indonesiane le preferenze dei figli sono al primo posto e sono attente alle marche mentre polacche e olandesi privilegiano la salubrità. In particolare le olandesi sono attente a prodotti da agricoltura biologica mentre le polacche sono sensibili alla praticità.

In queste scelte giocano diversi fattori, non per ultimo quello sociale. Nei Paesi latini e in quelli dove la famiglia ha un ruolo ancora importante, il parere dei bambini è tenuto in massima considerazione mentre nel Nord Europa dove si tende a rompere prima possibile il cordone ombelicale tra genitori e figli, a trasmettere uno spirito di indipendenza e ad insegnare il rispetto delle regole, la scelta del cibo definito dalla madre in base ai criteri di salubrità, è fondamentale anche per indicare al piccolo il rispetto delle gerarchie.

Nelle madri italiane la considerazione data alle marche è attribuibile alla fiducia che si ripone alla “griffe” come garanzia di sicurezza.

Ma quali sono gli snack più salutari? Spesso quelli che sembrano far bene in realtà contengono più grassi e zuccheri di altri. Alcune merendine enfatizzano la presenza di frutta che in realtà è contenuta solo in quantità minimali.

I dietologi ed esperti di scienza dell’alimentazione consigliano di prediligere frutta fresca, yogurt non zuccherato, succhi e spremute di frutta al 100 per cento che contengono solo gli zuccheri naturali.

L’obesità infantile è uno dei grandi problemi delle società industrializzate. Nel mondo, circa 42 milioni di bambini al di sotto dei cinque anni di età è in sovrappeso.

Secondo la Fondazione Umberto Veronesi, bisognerebbe promuovere una alleanza tra genitori, pediatri e scuola per combattere la sedentarietà, gli eccessi nutrizionali e gli stili di vita scorretti. più recenti dati diffusi dal Ministro della Salute sono allarmanti: nel nostro Paese, più di 1 milione di bambini è in sovrappeso o obeso. Questo significa che oltre un bambino su 3, di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, ha un peso superiore a quello che dovrebbe avere per la sua età. Inoltre, nel 75% dei casi l’obesità presente nei primi dieci anni di vita si traduce in obesità nell’individuo adulto, provocando gravi implicazioni, come l’insorgenza del diabete e delle malattie cardiovascolari».

Alberto Ugazio, Presidente della Società Italiana di Pediatria, sostiene che bisogna educare i ragazzi sin della più giovane età ad uno stile alimentare corretto e soprattutto ad una vita dove lo sport ha un ruolo importante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here