La politica ai tempi del Covid-19. In Provincia FdI apre alla ‘pace’ istituzionale

E come misure anti contagio Rotelli invoca "tamponi a tappeto e dispositivi di protezione per medici e forze dell'ordine"

334

In questo periodo buio, in cui le giornate sono scandite da restrizioni e tragici bollettini quotidiani, la politica locale accantona i contrasti e apre alla collaborazione istituzionale.

Accade così che all’insegna del ‘Prima la Nazione poi la fazione’, Fratelli d’Italia accoglie l’invito del presidente della Provincia Nocchi a cooperare per il bene della Tuscia.

Una disponibilità che va a sbloccare l’impasse venutasi a creare a seguito del ricorso al Tar, presentato dal centrodestra, dopo la forzatura sull’approvazione del bilancio a pochi giorni dal rinnovo del consiglio provinciale. Ricorso, previsto in discussione i primi di marzo, e slittato per Coronavirus a chissà quando.

“Una spada di Damocle che sarebbe rimasta sospesa su qualsiasi tipo di intervento. – osserva il deputato FdI Mauro Rotelli – Il presidente della Provincia Nocchi ha chiesto disponibilità e noi, nella situazione attuale, abbiamo risposto con un sì convinto. E’ chiaro che poi bisognerà mettersi a lavorare su quelle che sono le emergenze provinciali”.

Il termine emergenza richiama subito quella che stiamo vivendo a causa del Covid-19.

“Una situazione molto preoccupante che fa riflettere rispetto a tante certezze che avevamo fino all’altro ieri e che adesso non ci sono più”.

Per Rotelli, oltre alle proposte e alle iniziative messe in campo dai meloniani anche a livello locale, le misure più urgenti da adottare riguardano la sicurezza di tutte quelle categorie di persone che sono in prima linea.

“In assoluto la più importante è quella di effettuare, a tappeto e subito, i tamponi a tutto il personale medico in prima battuta poi a tutti coloro che stanno al pubblico. Se lo Stato decide che una serie di persone deve mantenere la filiera aperta e funzionante, quelle persone devono essere sane non possono rischiare di diventare vettori di contagio”.

Ed elenca: “Non si possono ammalare medici, farmacisti, poliziotti, carabinieri, finanzieri, agenti penitenziari. Tutte figure da mettere in sicurezza perché devono garantire la tenuta del sistema, partendo dall’ospedale di Belcolle”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui