La Prefettura diffida il Comune di Bassano Romano: “6 giorni per approvare il bilancio o il consiglio sarà sciolto”

187
emanuele maggi 3
Il sindaco di Bassano Romano, Emanuele Maggi

In queste ore c’è un problema piuttosto grande che angustia il sindaco di Bassano Romano, Emanuele Maggi. Il Prefetto Giovanni Bruno ha inviato una lettera dai toni abbastanza espliciti al sindaco bassanese: “Se entro sei giorni non viene approvato il bilancio consuntivo del 2019 il Consiglio sarà sciolto”, questo il succo.

A riportare la vicenda sono stati i consiglieri Carlo Pellegrini, coordinatore della Lega, e Luigi Quaglia:

“C’e’ voluta questa sonora diffida del Prefetto di Viterbo, notificata ieri al sindaco dietro nostra richiesta di intervento, per far convocare il Consiglio Comunale per l’approvazione del Bilancio Consuntivo 2019 per il giorno 11 settembre”, esordisce Carlo Pellegrini.
“Basti pensare – prosegue il coordinatore leghista – che questo CC doveva essere convocato entro il 30 giugno, data già piu’ volte prorogata. Siamo l’unico comune di Viterbo ad aver ricevuto questa estrema diffida. Questa grave mancanza deve far capire con quanta leggerezza e approssimazione viene gestita la macchina amministrativa comunale. La mancanza di organizzazione e programmazione dell’azione comunale trova pieno riscontro in questa drammatica e sonora diffida prefettizia. Ora resta solo da capire e verificare se e’ normale che ai consiglieri comunali non e’ stato notificato ufficialmente che il Rendiconto 2019 fosse stato deliberato gia’ in Giunta Comunale, quindi non avere disponibilita’ di tutta la documentazione nei tempi previsti (20 gg) dalla normativa”.
“Questa – conclude Pellegrini – e’ una ulteriore grave mancanza di trasparenza e legalita’ non solo nei confronti dei consiglieri di minoranza, ma di tutti i bassanesi che vengono rappresentati”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui