La Regione “Innova” il Lazio

In Consiglio vengono approvate le nuove linee per la predisposizione del piano industriale.

321
artificial intelligence slider

Pisana sempre “calda”, non per il sole che batte sui pini del parcheggio del Consiglio Regionale, ma per trovare una soluzione a tematiche e problematiche che si riscontrano in questa XI legislatura Zingaretti, che fatica sempre di più nella governabilità per via dei numeri di aula che non danno una vera e propria maggioranza. 

Ciò, a prescindere dai contrasti e dal gioco “poltronale”, che avviene ovunque, quando si va a trattare su certi tipi di argomenti che comprendono tutti i cinque capoluoghi della Regione in aula si prendono posizioni positive, come ad esempio le nuove linee per la predisposizione del piano industriale approvata in Consiglio. 

L’ordine del giorno, al punto 1 è la proposta di deliberazione consiliare n. 23 del 5 dicembre 2018, adottata dalla Giunta regionale con decisione n. 52 del 30 novembre 2018, ovvero le linee guida per la predisposizione del piano industriale 2019-2021 di Lazio Innova S.p.a., ai sensi dell’articolo 2, comma 1, lettera a.

La proposta di deliberazione consiliare in oggetto è già stata approvata dalla competente Commissione consiliare. Dove prende parola l’assessore Manzella per una breve illustrazione .

“Oggi in Lazio Innova lavorano 280 persone, in questo momento” – commenta l’Assessore allo sviluppo economico Manzella rivolto ai consiglieri – ”gestisce 36 bandi, 7 strumenti per finanziamenti, risorse europee e regionali per circa 400 milioni di euro. Non c’è, però, solo l’aspetto quantitativo. Da ultimo, Lazio Innova sta diventando un’agenzia di sviluppo considerata tra le migliori a livello italiano”.

Lazio Innova, una realtà concreta che si concentra sul dare sostegno alle piccole imprese, creando nei capoluoghi, come Rieti e Viterbo dove già esistono due sedi centrali, ovvero il Bic di valle Faul presso la città dei Papi.

Progetto ambizioso nato durante la X legislatura- indovinate chi era il Governatore della Regione in quel momento storico- e trasportato da Roma a Viterbo dall’ex Consigliere di Cuori Italiani Daniele Sabatini per stare vicino alle micro imprese e ai giovani imprenditori.

Via libera, quindi, agli obiettivi strategici per il piano industriale 2019-2021  della società regionale dedicata al credito.

Alla fine della seduta in aula viene approvato l’ordine del giorno tra smorfie e sorrisi ma, anche questa volta, con grande serietà sopratutto nei confronti di tutti gli abitanti del Lazio che vorrebbero una Regione “innovatrice”, e perché no, un consiglio dove non giochi sempre “al gioco della sedia” ma pensi a trattare tematiche importanti, e come nel campo economico, vitali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui