La rinascita del gruppo Aquilanti, l’azienda viterbese è pronta a riprendersi il mercato

382

Riceviamo e pubblichiamo – ‘Mentre in Italia si parla solo di crisi, Ilva, Governo e aiuti di Stato, c’è qualcuno che ad oggi con le sue forze sta affrontando una crisi ed una rinascita importante: il gruppo Aquilanti.

Settore termoidraulica, 60 anni di esperienza, migliaia di clienti gestiti e centinaia di dipendenti. Un’azienda familiare alla terza generazione che ormai da anni presidia con i suoi brand e i suoi punti vendita le regioni Lazio, Umbria e Toscana.

Una crisi aziendale iniziata qualche anno fa che tocca l’apice nel 2018, la richiesta di concordato preventivo, la voglia di ripartire. Il consiglio di amministrazione nomina un manager di grande esperienza e capacità: Armando Cappuccio.

Il dottor Cappuccio, 42 anni, napoletano, laurea in Economia ed esperienza in società di consulenza. Cappuccio è l’uomo giusto al posto giusto, grandi doti relazionali, ottime capacità di analisi ed uno dei pochi CFO nel panorama nazionale in grado di redigere strategie pluriennali mantenendo equilibrio a bilancio tra piano di espansione, consolidamento, e analisi dei costi.

‘L’Aquilanti è un’azienda viva e dal grande potenziale’ dice Cappuccio ‘ho avuto, da subito, la percezione che la situazione potesse essere recuperata. Dai primi incontri con clienti, fornitori e dipendenti, mi sono reso conto che il potenziale c’è, ma la mancanza di pianificazione strategica ci ha esposto ad attacchi, a volte anche scorretti, da parte della concorrenza. Alcuni dipendenti hanno scelto di andare via, molti sono rimasti, io voglio ripartire da loro, dalle persone! Nella mia visione manageriale la crescita dello staff è la prima azione per recuperare la fiducia del mercato!

Dai primi giorni ho riorganizzato l’area vendite e subito il risultato si è visto, abbiamo registrato un +20% sul trend dell’ultimo mese.Ho riaperto rapporti con fornitori storici ed iniziato partnership molto proficuo con nuovi fornitori di cui abbiamo l’esclusiva nazionale.

Mi sto facendo affiancare da una delle migliori società del panorama europeo sul Performance Management, la 4 M.A.N Consulting. Da subito le loro analisi e procedure hanno dato una percezione nuova, molto gradita allo staff. Con loro abbiamo pianificato attività di formazione manageriale che daranno all’azienda un vantaggio competitivo molto importante. L’Aquilanti c’è, è viva e più attenta che mai alle relazioni!’

Dalle parole di Cappuccio emergono due aspetti importanti che sono di buon auspicio: l’attenzione alle persone e la cura dei dettagli.

Il gruppo Aquilanti, che comprende anche il brand Expò Arredo bagno, ha un know how di eccellenza in un settore particolare e così con oltre 20.000 clienti e con 130 persone straordinarie è pronta a recuperare il mercato perso.

Ora tocca al Tribunale dare la possibilità all’azienda di continuare sull’ottima strada intrapresa. Giovedì 14 novembre 2019 ci sarà un incontro in cui si decideranno le sorti dell’azienda, che è certa di proseguire il percorso intrapreso in questi mesi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui