I bagnanti potranno prenotare il proprio posto con l'app "In Spiaggia". Il 13 giugno la riapertura del Museo delle Necropoli

La rinascita del turismo di prossimità: tutte le novità per l’estate a Tarquinia

382

L’estate 2020 sarà ricordata soprattutto per il turismo di prossimità, favorito sicuramente dalla bellezza delle mete italiane. Anche nelle località balneari della Tuscia la stagione estiva inizia a decollare e, come abbiamo visto nei giorni scorsi, i turisti hanno iniziato a ripopolare il lido di Tarquinia, sempre nel massimo rispetto delle norme anti-Coronavirus.

L’assessore al Turismo di Tarquinia, Martina Tosoni, in un intervento su MarcoPoloTv ha annunciato tutte le novità dei prossimi mesi: dalla ripartenza di stabilimenti e alberghi all’app con cui sarà possibile prenotare il posto sulla spiaggia libera, quella che ci aspetta sarà senza dubbio un’estate particolare.

Come ha spiegato l’assessore Tosoni, il basso numero di contagi registrati nel Comune (20 casi su un totale di 17mila abitanti) ha permesso di mantenere la situazione sotto controllo e di poter ripartire offrendo la massima sicurezza ai visitatori, che arriveranno per la maggior parte dalle zone vicine. “Abbiamo tante richieste di persone dalla Regione Lazio che sono intenzionate a passare le vacanze qui –  ha detto l’assessore nel corso del suo intervento – abbiamo degli spazi aperti molto grandi a livello naturalistico, la spiaggia, la natura e i siti archeologici permettono di presentarci come una località che ad oggi può accogliere in maniera abbastanza sicura e in relax le famiglie, i giovani o chi vorrà visitare la nostra città”.

Gli ombrelloni distanziati presenti sulle spiagge del lido

Nessuna restrizione prevista per l’accoglienza dei turisti, che dovranno però impegnarsi a rispettare alcune indicazioni, come quelle per l’utilizzo delle spiagge libere distribuite sui 25 km di costa del Comune. Alcuni tratti dell’arenile saranno messi a disposizione delle attività che hanno già una convenzione e che vorranno allargarsi, mentre i bagnanti dovranno prenotare il proprio posto sui tratti totalmente liberi attraverso l’applicazione “In Spiaggia”, e al loro arrivo troveranno un servizio di accoglienza.

L’assessore Tosoni ha poi aggiunto che il Museo delle Necropoli riaprirà sabato 13 giugno, mentre gli stabilimenti sono già al lavoro da due fine settimana. Riguardo alle strutture ricettive, i b&b hanno lavorato già dall’inizio della fase 2, mentre gli alberghi più grandi stanno iniziando ora a riaprire. Bene gli agriturismi, che sono ripartiti da due domeniche principalmente per pranzi e prenotazioni di una giornata senza pernottamento.

L’assessore ha chiarito però che piano piano si fanno avanti richieste anche per la permanenza nell’intero weekend, come è accaduto in quello del 2 giugno che è stato molto positivo dal punto di vista turistico. “Cerchiamo di cogliere questa opportunità per rilanciare una località che ha tantissime cose da offrire”, ha concluso l’assessore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui