“La Sacra Ruota”, ultimo giorno per ammirare le auto dei Papi a piazza San Lorenzo

La mobilità papale non è un semplice cambio di coordinate geografiche; nella cultura cattolica conta il principio “quello che fai è come lo fai”.

381
veteran car club auto dei papi
Foto di Veteran Car Club Viterbo

Dalla sacra rota alla sacra ruota il passo è breve. Sembra una battuta ma non lo è; cosa raccontano le nove solenni limousine papali, schierate (dal 24 al 26 maggio) sotto il “Palazzo dei Papi” di Viterbo? Raccontano una storia di stile. Una storia che nell’autocarrozzeria globale contemporanea merita di essere ascoltata.

La mobilità papale non è un semplice cambio di coordinate geografiche; nella cultura cattolica conta il principio “quello che fai è come lo fai”. Fino al primo concordato (1929) gli alti prelati si muovevano in carrozza; con il pieno riconoscimento dell’entità statale vaticana c’è stata l’esigenza di una mobilità più rapida e di più largo raggio che tuttavia mantenesse inalterato il messaggio solenne legato al compimento di un mandato superiore. In termini laici tutto questo si chiamerebbe “protocollo”.

Dal ’29 in poi si sono succedute molte vetture; tutte caratterizzate dal medesimo rigore formale: colore scuro, imponenza ma senza alcuno sfarzo; niente bombature, alette o accentuazioni di forme. L’essenziale innalzato ad elemento di spicco; chi vedeva passare un’auto pontificia ne capiva immediatamente il significato. Il primo a compiere uno strappo al protocollo fu Giovanni XXIII che utilizzò automobili parzialmente scoperte, per potersi sporgere e salutare i fedeli. Oggi siamo alla papa-mobile.

Nove auto in mostra, chilometri di storia e di memoria, per celebrare un’occasione speciale: i 30 anni del Veteran Car Club Viterbo, associazione di possessori di auto storiche del centro Italia. Quest’anno LA COPPA DEI 2 LAGHI è giunta alla sua XXX Edizione: un “evento nell’evento” e un’ occasione unica per ammirare le auto dei Papi nella città che di Papi ne ospitò ben nove.

Un riconoscimento speciale va a NB Center, che ha restaurato e raccolto questo inestimabile patrimonio storico; a Paolo Ciminiello, curatore della mostra; a Giancarlo Carlo, neo presidente del Veteran Car Club. Ai lettori che desiderano conoscere meglio la storia papale attraverso le testimonianze oggettuali “La mia città news” consiglia una visita al museo annesso al palazzo pontificio di Castel Gandolfo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui