La strage degli innocenti: morti 440 cani e gatti in tutta Italia per i botti di Capodanno

638

Capodanno di terrore e di morte per tanti animali in tutta Italia. Malgrado le ordinanze di divieto di esplodere petardi e fuochi in prossimità di soggetti fragili e animali d’affezione firmate dai Sindaci di molti Comuni italiani, anche quest’anno la notte di San Silvestro ha portato al ferimento, alla fuga e persino alla morte di migliaia di uccelli, cani e gatti a causa del botti.

La strage degli innocenti. Sì, perché i poveri animali, terrorizzati dai botti, non hanno colpe di questa usanza. Il dato complessivo sembra essere inferiore rispetto a quello degli ultimi anni, ma sono comunque troppi gli animali che soffrono e vengono uccisi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Circa 1.800 cani e diverse centinaia di gatti sono scappati a causa dei botti. I cani morti o dispersi alle ore 11 del 2 gennaio erano 171, mentre i gatti di proprietà di cui si segnala la morte per botti o investimento alla stessa ora sono circa 160.
A chi possiede un animale domestico è certamente capitato di vederlo terrorizzato nascondersi sotto il letto o i divani, esprimere ansia, inquietudine, correre in preda al panico a causa dei rumori provocati dai fuochi artificiali e dai botti, che esso percepisce in maniera superiore all’uomo.

Ma il fatto più grave, che fa rabbrividire, è stato segnalato a Brindisi, pur non essendo ancora chiare le circostanze: un gatto è stato ucciso barbaramente con dei petardi infilati nella coda per “divertimento”! L’accaduto è stato denunciato dalla portavoce per il Sud Italia dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente – AIDAA, Antonella Brunetti.
Sul ciglio di viale Arno, nel quartiere Perrino, a Brindisi, un povero gatto è stato trovato morto, senza la coda, con vicino dei petardi.

Un gesto criminale di una crudeltà inaudita. L’autore di cui sembra si conoscano le generalità, sarà denunciato all’ autorità giudiziaria.

Basta con le stragi di animali! Speriamo che il nuovo anno porti rispetto, controlli più accurati e maggiore tutela dei nostri “innocenti” amici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui