La vergogna di Ponte Cellio, il ponte medievale a schiena d’asino che cade a pezzi

Nel 2015, circa quattro anni fa, l’amministrazione comunale di Civita Castellana aveva annunziato con giubilo che presto questa zona archeologica e naturalistica tra le più importanti di Civita Castellana sarebbe stata sistemata

1556
Ponte Celio

Ponte Cellio è un ponte a schiena d’asino risalente al periodo medievale che si trova nell’area archeologica di Celle a poca distanza dal famoso sito del Santuario di Giunone Curite.

Nel 2015, circa quattro anni fa, l’amministrazione comunale di Civita Castellana aveva annunziato con giubilo che presto questa zona archeologica e naturalistica tra le più importanti di Civita Castellana sarebbe stata sistemata. Una notizia che l’opinione pubblica civitonica accolse allora con grande favore in quanto significava recuperare e valorizzare il proprio illustre passato promuovendo nello stesso tempo il turismo.

Lo stesso sindaco Angelelli commentò entusiasticamente: ”E’ sicuramente un’operazione storica perché il ponte, uno dei pochi ponti rimasti integri di questa tipologia, è stato trascurato per molto tempo, mentre è importantissimo recuperarlo e conservarlo. L’area è stata parzialmente sistemata per permettere la fruibilità anche ai cittadini attraverso l’escursionismo naturalistico che è sicuramente una delle vocazioni della nostra città”.

Ponte Celio
Ponte Celio

Il Comune faceva sapere che l’importo complessivo dei lavori per quell’area era di 350 mila euro, di cui 255 mila coperti da un finanziamento regionale e il restante dall’amministrazione comunale. A distanza di quattro anni il ponte a schiena d’asino, purtroppo, versa in un completo stato di abbandono. I lavori di recupero sono iniziati ma non sono stati completati. Un patrimonio storico-archeologico lasciato in un incomprensibile dimenticatoio e che ora, se non si interviene tempestivamente, rischia di andare alla malora per il forte disappunto dei cittadini e dei turisti che non si rassegnano a un tale ingiustificabile scempio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui