La Viterbese cade in Campania: 0-1 con la Paganese. Playoff? Mercoledì l’ora X!

Rigoli schiera una Viterbese B molto simile a quella di scena a Catanzaro. L’approccio è comunque buono, tanto che al 6’ Bismark va a centimetri dall’1-0 con un bel diagonale.

441
viterbese

Allo stadio “Marcello Torre” va in scena Paganese-Viterbese, l’ultima giornata del girone C di Serie C. Partita che rappresenta l’esordio sulla panchina gialloblù di Pino Rigoli, ma che vale molto di più per i padroni di casa. La Paganese, infatti, cerca punti preziosi per evitare la retrocessione diretta e, quindi, per giocarsi tutto nel play-out. La Viterbese, invece, arriva a questa gara con l’obiettivo play-off ormai quasi del tutto accantonato in vista della finalissima di Coppa di mercoledì prossimo.

Paganese (4-3-1-2): Santopadre; Tazza, Piana, Stendardo, Perri (dal 46’ Della Corte); Capece (dall’82’ Nacci), Navas, Fornito; Scarpa (dal 65’ Della Morte); Cesaretti (dall’87’ Acampora), Parigi (dall’82’ Alberti). A disp: Galli, Della Corte, Nacci, Carotenuto, Della Morte, Diop, Gori, Alberti, Acampora, Gifford, Schiavino. Allenatore: Alessandro Erra.

Viterbese-Castrense (3-5-2): Forte (dall’88’ Bertollini); Sparandeo, Coda (dal 79’ Sini), Milillo; Del Prete, Ricci, Canestrelli (dal 46’ Menghi), Capparella (dal 62’ Vari), Coppola; Molinaro, Bismark. A disp: Bertollini, Atanasov, Rinaldi, Vandeputte, Polidori, Pacilli, Luppi, Sini, Damiani, Tsonev, Menghi, Vari. Allenatore: Pino Rigoli.

Paganese-Viterbese Castrense: 1-0

Reti: 60’ Parigi (P)

Arbitro: Marco Ricci di Firenze

Ammoniti: 37’ Coda (V), 44’ Fornito (P), 78’ Stendardo (P)

Rigoli schiera una Viterbese B molto simile a quella di scena a Catanzaro. L’approccio è comunque buono, tanto che al 6’ Bismark va a centimetri dall’1-0 con un bel diagonale. La gara, però, a partire da questo momento cambia piega. I gialloblù si vedono poco, mentre la Paganese prende il controllo della partita. Tante, infatti, sono le occasioni create dalla squadra di casa nel primo tempo. Soltanto uno straordinario Forte impedisce alla Viterbese di ritrovarsi sotto nel punteggio. L’estremo difensore dei leoni prima salva sul colpo di testa in tuffo di Scarpa al 25’, poi anche su Cesaretti quattro minuti dopo. Un altro grande intervento lo registra al 39’ sulla torsione di Parigi. Termina, così, 0-0 un primo tempo in cui Forte è stato l’assoluto protagonista.

Il secondo tempo si apre esattamente come il primo. Un’occasione per Bismark dopo pochi minuti (questa volta meno netta) e poi solo azzurrostellati. Parigi è il più pericoloso in zona offensiva. L’attaccante dei padroni di casa, infatti, prima sciupa una buona occasione al 51’, poi, però, trova la rete al 60’. Il numero 19 sfrutta un cross a rientrare e di testa stavolta non sbaglia. La Viterbese è chiamata alla reazione e Rigoli potrebbe dare una scossa inserendo qualche pezzo da novanta. L’idea, però, non è questa. I titolari devono riposare per la Coppa, e ad entrare è il giovane Vari. Unica eccezione è capitan Sini, dentro al posto di Coda probabilmente per prendere minuti nelle gambe.

Dall’1-0 in poi, la partita non vede più grandi emozioni. Unico accenno di occasione arriva al 68’ con la botta dalla lunga distanza di Navas. Per il resto si assiste soltanto alla solita girandola di cambi e ad una Paganese in controllo senza mai soffrire fino alla fine. Un risultato giusto per quanto si è visto in campo. La Paganese ha fatto la partita e, tranne qualche spavento, ha condotto la gara senza soffrire. Troppo poco lo sforzo della Viterbese formato riserve per impensierire una squadra più motivata. I tre punti di oggi, infatti, permettono alla Paganese di giocare il play-out con il Bisceglie, evitando così lo spauracchio della retrocessione diretta.

In casa Viterbese, invece, la situazione è ben diversa. L’ultima fase del campionato è stata utilizzata per far riposare i titolari in vista della Coppa, mandando in campo molti ragazzi della Beretti. I play-off non sono stati raggiunti attraverso il campionato, l’unico obiettivo rimasto è la Coppa. Da molto tempo le attenzioni si sono spostate esclusivamente su questa competizione. Certo è che bisogna ribaltare il 2-1 di Monza per trionfare, accedere ai play-off ed evitare di finire la stagione già l’8 maggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui