La Viterbese di Calabro impegnata al difficile esame Catania

La Viterbese ospita il Catania. Calabro schiera i suoi con il solito 3-5-2, mentre il Catania dovrebbe presentarsi con un 4-3-3.

321
rinascita viterbese

Domenica 24 febbraio, alle ore 14:30, la Viterbese affronterà allo stadio Rocchi il Catania di Sottil. La partita è valida per la 28° giornata del girone C di Serie C. L’ultimo scontro tra queste due squadre risale a ben diciassette anni fa, quando la Viterbese di Puccica sconfisse i rossoazzurri per 1-0.

Viterbese: Continua il turn-over scientifico di mister Calabro, costretto sempre a cambiare qualche pedina in vista degli impegni ravvicinati. Mercoledì, infatti, la Viterbese scenderà di nuovo in campo per affrontare il Teramo in Coppa. Ci sono da gestire, quindi, parecchi problemi di stanchezza e anche qualche infortunio, l’ultimo capitato a Davide Luppi nella trasferta di Siracusa. Il modulo dovrebbe essere l’ormai consolidato 3-5-2 con Valentini in porta e la difesa diretta da Atanasov, Sini e Rinaldi. A centrocampo intoccabili Damiani come vertice basso e Mignanelli sulla sinistra. Possibili cambi, invece, tra le mezzali. Davanti dovrebbe tornare Polidori tra i titolari.

Possibile formazione: (3-5-2) Valentini; Atanasov, Sini, Rinaldi; De Giorgi, Palermo, Damiani, Baldassin, Mignanelli; Polidori, Bismark.

Catania: Qualche problema offensivo nelle ultime partite, specialmente fuori casa, per la squadra di Sottil. Una difesa che, al contrario, funziona bene, vedrà qualche problema dal punto di vista degli uomini a disposizione. Fuori, infatti, Calapai per infortunio, al suo posto dovrebbe esserci Esposito con lo spostamento in fascia destra di Aya. Tridente formato da Manneh, Marotta e Curiale, insostituibili a centrocampo Lodi e Biagianti.

Probabile formazione: (4-3-3) Pisseri; Aya, Esposito, Silvestri, Baraye; Biagianti, Lodi, Angiulli; Manneh, Marotta, Curiale.

Momento non felicissimo per i gialloblù, reduci da due trasferte deludenti a Cava e a Siracusa, nelle quali ha raccolto soltanto un punto. Il Catania, invece, viene dalla vittoria interna contro la Paganese, ma non passa giornate tranquille fuori casa, dove non è ancora riuscita a vincere nel nuovo anno. Nonostante questa statistica, l’avversario è certamente tra i più duri. I siciliani sono terzi in classifica e dispongono di un organico ricco di qualità e in grado di competere per i piani alti. Per questo motivo mister Calabro, nelle dichiarazioni della vigilia, ha affermato che “affronteremo la gara al massimo delle nostre forze e con il nostro solito atteggiamento. Strategicamente non cambierà nulla rispetto alle altre partite giocate, ma dovremo stare molto attenti al gioco del Catania. Dobbiamo essere bravi a contenere la loro forza e a cercare di sfruttare le poche lacune che hanno. Se facciamo una prestazione da Viterbese possiamo fare bene”.

Non manca, quindi, la fiducia nelle file gialloblù per un match sicuramente delicato per situazione di classifica e avversario da affrontare. Appuntamento quindi al Rocchi per una partita che ha tutte le possibilità di essere ricca di emozioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui