L’Abruzzo passa in zona arancione ma è scontro con il Governo

136
Da oggi l’Abruzzo passa da zona rossa ad arancione. A comunicarlo è il presidente della Regione, che in un post pubblicato sui social scrive: “Mantenuto l’impegno di riaprire il commercio prima dell’Immacolata.  Ho firmato l’ordinanza con la quale l’Abruzzo rientra in zona arancione. Da domani i negozi saranno aperti e da mercoledì torneranno a scuola i ragazzi di seconda e terza media. Il monitoraggio del fine settimana ha fornito ulteriori dati confortanti, dei quali ha preso atto anche il Comitato Tecnico Scientifico regionale. Non si registrava dal 23 ottobre scorso un numero così basso di nuovi positivi.
Mi ero assunto la responsabilità di anticipare l’ingresso in zona rossa, con l’obiettivo di iniziare la “cura” necessaria a riportare l’Abruzzo in sicurezza. I dati di due successivi report della Cabina di Regia nazionale e quelli dell’ultimo fine settimana dimostrano che l’obiettivo è stato raggiunto nel minor tempo possibile. Si è così contemperata l’esigenza di salvaguardare la salute pubblica e la vita umana, con quella di garantire la tenuta sociale ed economica”.
Quindi da questa mattina si atterrano le regole e le suddette restrizioni vigenti per le zone arancioni. Ma il Governo non ci sta così filtra la volontà di procedere con una lettera di messa in mora nei confronti della regione che doveva restare in zona rossa fino al 10 dicembre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui