L’appello dei genitori: “Sindaco Arena non bastano gli aggettivi qualificativi come tantissimi, moltissimi o i termini come aumento, diffusione. Ci vogliono numeri e percentuali“

122

Signor Sindaco Arena,
siamo genitori di alunne e alunni delle scuole superiori di Viterbo.
A nostro avviso nel valutare l’opportunità di chiudere le scuole in
presenza, vanno presi in considerazione innanzitutto i dati certi: non
bastano gli aggettivi qualificativi come tantissimi, moltissimi o i
termini come aumento, diffusione. Ci vogliono numeri e percentuali.
quanti positivi? Quanti sintomatici? Quanti sintomatici ospedalizzati?
Quanti di questi in terapia intensiva con supporto respiratorio?
Percentuali con la popolazione? Confronto con i ricoverati in terapia
intensiva nello stesso periodo dei 5 anni precedenti. Va poi
considerata la quota di studenti fra tutti i positivi e i sintomatici.
Le ricordiamo che l’ordinanza del Presidente De Luca è stata impugnata
davanti al TAR che ha chiesto alla Regione di fornire i documenti
necessari a verificare compiutamente i presupposti sui quali si fonda
l’ordinanza. Vale a dire che il TAR vuole valutare i dati numerici su
cui è stata fatta la scelta di chiudere le scuole in presenza.
Siamo poi sicuri che chiudendo le scuole in presenza i ragazzi
verranno sottratti al contagio? Non essendo previsto un altro lockdown
generalizzato, almeno al momento, i ragazzi al termine delle lezioni
in DAD usciranno e potranno infettarsi fuori scuola.
Se la pietra dello scandalo sono i trasporti pubblici, sovraffollati,
allora gli Enti Locali preposti si rimbocchino le maniche, lavorino in
sinergia e trovino soluzioni. Gli autobus privati, fermi per
sospensione gite, ad esempio, possono essere noleggiati per potenziare
il trasporto scolastico.
Anche gli studenti reclamano il loro diritto costituzionale
all’istruzione. E fanno bene. Hanno toccato con mano, sulla loro
pelle, che la scuola non è solo un travaso di nozioni dal docente al
discente, ma anche e soprattutto comunità. Tra pari e con gli adulti.
La DAD, anche la migliore, non potrà MAI eguagliare la potenza della
scuola in presenza, condivisa.
La DAD in più amplifica le diseguaglianze e va quindi contro il
dettato costituzionale. La DAD aumenta la dispersione scolastica. Sarà
pur vero che ormai tutti i ragazzi hanno uno smartphone e quindi
possono utilizzarlo per seguire la DAD, ma non è così semplicistico.
Oltre ad uno smartphone serve una connessione buona e illimitata, e
non tutte le aree della nostra provincia sono ben coperte da segnale.
Ci sono classi con 30 alunni: avete idea di quanto sia faticoso per i
docenti e i ragazzi svolgere e seguire una lezione in DAD così
affollata? Avete idea di quanti ragazzi si siano demotivati in questi
mesi? E gli alunni che hanno bisogno di docenti di sostegno? Pensate
davvero che si possa dare sostegno ad un ragazzo via monitor?
Chiudere le scuole in presenza significa creare ulteriori difficoltà
alle famiglie e metterne alcune in situazione drammatica.
Chiudere le scuole in presenza significa spopolare nuovamente il
centro storico, svuotando di nuovo gli esercizi commerciali adiacenti
i plessi scolastici (i ragazzi non comprano più la merenda, i genitori
non si fermano a fare la spesa, etc.). Di questo c’è consapevolezza?
Ricordiamo che durante la guerra, la scuola ha continuato a funzionare
perché giustamente era una priorità: non ci può essere futuro,
infatti, senza la scuola.
Signor sindaco Arena, consideri bene l’opportunità di chiudere o no le
scuole. Ogni giorno di scuola in presenza è un giorno di futuro in più
offerto ai nostri figli. Ci sono altre alternative al momento: ad
esempio scaglionare gli ingressi per limitare assembramenti fuori
scuola, potenziare la didattica mista (1 o 2 giorni in DAD il resto in
presenza) invitando le scuole che ancora non l’hanno attivata a farlo
(meglio due giorni in DAD che tutti i giorni, magari a rotazione per
evitare che alcune materie siano penalizzate).
Se e quando il comitato tecnico scientifico a livello nazionale
sancirà la necessità di un ulteriore sacrificio per tutto l’Italia,
allora e solo allora la scuola in presenza verrà sostituita con la
DAD. Per ora, per favore, la scuola resti una priorità e resti aperta
in presenza.

Antonella De Cicco
Patrizia Della Porta
Maria Menichelli
Monica Marcellini
Maria Matilde Coletta
Antonella Savi
Roberta Laureti
Daniela Bellitto
Barbara Cadeddu
Paola Bernini
Antonella Rossi
Cristiana Veronesi
Massimo Baraldi
Giacinta Bracci
Giancarlo Guerra
Lucia Duri
Stefania usai
Claudio Di Luigi
Claudia Bardi

La raccolta firme sta ancora procedendo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui