Lavori nel centro storico, la maggioranza litiga in attesa dell’incontro con il Prefetto

Lavori pubblici e proteste dei commercianti. Monta la polemica sulla sostituzione dei sampientrini nel centro storico.

231
viterbo

Lavori pubblici e proteste dei commercianti. Monta la polemica sulla sostituzione dei sanpietrini nel centro storico. Via Chigi, via Fattunghieri e via San Lorenzo: qui molte delle attività commerciali rischiano di rimanere a bocca asciutta durante il periodo pasquale. I commercianti sono sul piede di guerra e la maggioranza è divisa, un film già visto.  

Da una parte l’assessore ai Lavori pubblici Laura Allegrini, dall’altra i consiglieri comunali Insogna e Santucci di FondAzione e Pucchiaroni e Galati del gruppo misto. Quest’ultimi hanno diffuso un comunicato nel quale chiedono al sindaco e all’assessora il rinvio dei lavori per non creare disagi ai commercianti in un periodo turisticamente proficuo. I consiglieri mettono in guardia l’amministrazione sui “probabili disagi in un periodo di altissima stagione in cui i commercianti realizzano la gran parte degli introiti annuali. San Pellegrino in Fiore, le festività di Pasqua e le prossime manifestazioni estive rischiano di svolgersi in mezzo a cantieri e recinzioni che rovinerebbero il quartiere, che è la vetrina turistica della città”.

Filtra nervosismo da parte di Allegrini. L’assessora non avrebbe infatti gradito l’appello a mezzo stampa lanciato dai consiglieri di FondAzione e del gruppo misto. Del resto, il comunicato ricalca la nota dei commercianti inviata in Prefettura, nella quale viene chiesto di valutare lo slittamento dei lavori sulle vie interessate. 

Detto fatto, il Prefetto ha subito organizzato un tavolo con le parti in causa per cercare di ricucire la situazione e scongiurare le proteste dei commercianti. All’incontro di oggi saranno presenti il sindaco Arena, Laura Allegrini, il dirigente dei Lavori pubblici e il comandante del vigili del fuoco. Insomma, il Prefetto cerca di metterci una toppa per evitare l’ennesimo stallo causato dalla divisioni interne a Palazzo dei Priori.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui