Luisa Ciambella, candidata sindaco, 'inaugura' la tornata di incontri elettorali al Gran Caffè Schenardi

“Lavoro, Acqua, Rifiuti. Una nuova Cultura per una rigenerazione sociale”

110

Lavoro, Acqua, Rifiuti. Sono tre delle sei macro aree su cui si incardina la piattaforma programmatica della candidata sindaco Luisa Ciambella, sostenuta dalle liste ‘Per il Bene Comune’ e ‘Viterbo la Splendida’.

Tre pilastri, da sempre al centro delle battaglie portate avanti dalla Ciambella – spesso nel silenzio assoluto della politica e delle istituzioni – che un sondaggio pone ai primi posti tra le priorità espresse dai viterbesi.

Luisa Ciambella stamani, ‘inaugurando’ la serie di incontri elettorali al Gran Caffè Schenardi, ha tenuto a ringraziare i proprietari Andrea Serinelli e Eleonora Bonucci che “in attesa di riaprire il locale lo hanno messo a disposizione della città e dei candidati”.

Un gesto di grande generosità che la candidata legge come un “buon auspicio per la rinascita del centro storico”.

In particolare l’incontro odierno verteva su ‘Una nuova cultura per una città che rinasce’ in cui la cultura è declinata anche come rigenerazione sociale, dove la storia del passato convive con nuove esperienze di divulgazione artistica. Una visione di città in cui palazzi e spazi pubblici diventano contenitori di cultura “per portare ricchezza a tutti, non business per pochi portatori di interessi personali”.

Spazio poi alla musica “per mettere in sinergia e valorizzare esperienze già esistenti e le nuove proposte” e fare dell’Unione il teatro delle opportunità, puntando su una produzione autonoma invece che su circuiti con proposte preconfezionate.

Diverse le proposte in tema di lavoro, acqua e rifiuti. Problematiche su cui altri “hanno attaccato il cartello Svendesi sul territorio. Noi ci candidiamo per toglierlo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui