Le dieci linee ferroviarie peggiori d’Italia: Roma Nord al secondo posto

Un servizio del Sole 24 Ore colloca in seconda posizione la Roma-Civita Castellana-Viterbo per stazioni degradate e materiale vecchio

568

Ferrovia Roma-Nord: medaglia d’argento nella graduatoria nazionale delle peggiori linee italiane.

Il triste primato, che non rappresenta certo una novità per i pendolari, è stato definitivamente consacrato in una classifica stilata dal Sole 24 Ore.

Un servizio di ieri, realizzato su un’anticipazione del rapporto Pendolaria di Legambiente, colloca la Roma – Civita Castellana – Viterbo al secondo posto tra le dieci peggiori linee ferroviarie della Penisola, dietro solo alla Circumvesuviana.

In totale i pendolari coinvolti, loro malgrado, in questa situazione catastrofica, sono oltre 3 milioni.

La Roma Nord-Viterbo, gestita dall’Atac “guadagna” il secondo posto grazie a: “stazioni degradate, materiale rotabile vecchio e infrastruttura. La velocità media è 39 km/h.”

«Il rilancio della mobilità su ferro nelle città e la condizione che vivono i pendolari devono diventare una priorità dell’agenda politica nazionale.” – è l’appello lanciato alla ministra dei Trasporti Paola De Micheli da Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente.

“Servono risorse – prosegue – e purtroppo in legge di Bilancio non ci sono nè per aumentare i treni pendolari nè per compararne di nuovi – ma anche scelte radicali e a costo zero a difesa di centinaia di migliaia di persone che ogni giorno prendono il treno in situazioni di degrado inaccettabili».

Infine Zanchini conclude con una richiesta estrema ma necessaria alla Ministra, alla quale viene chiesto di «esercitare un vero potere di controllo, verifica e intervento rispetto alle situazioni di più grave disagio, e quando la situazione è come a Roma e a Napoli commissariare le aziende».

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui