Le feci di uccello continuano a infestare Viterbo. Arena: “Ultrasuoni potenziale soluzione”

Strade, auto e tetti continuano ad essere ricoperti dal guano degli storni. Il Sindaco Arena annuncia una potenziale soluzione: dispositivi a ultrasuoni

588

Da giorni ormai la città di Viterbo è invasa dagli escrementi di uccello. Marciapiedi, strade, tetti e automobili sono continuamente bersagliate da defecazioni di uccello.

Le centinaia di storni che volano sulle teste dei viterbesi stanno creando non poco disagio a tutta la popolazione che, stanca, esige una soluzione.

Il sindaco Arena, nelle ultime ore, sembra averne annunciata una. L’allontanamento dei volatili è ormai una delle prime criticità da affrontare in questo 2020 specie considerato l’elevato rischio sanitario portato dal guano presente sulle strade.

Il periodo festivo sembra aver lasciato con le mani legate il comune che, fino al termine dell’epifania, dovrà ancora affidarsi ai servizi di pulizia di Viterbo ambiente che, fino ad’ora, non sono bastati.

“Viterbo ambiente continuerà, fino a lunedì, nella sua costante opera di pulizia delle strade, ci attiveremo da martedì per cercare una soluzione mirata – soluzione che potrebbe essere ritrovata nell’utilizzo di ultrasuoni, prosegue poi Arena – Potrebbero essere i dispositivi a ultrasuoni. Pulire non basta, dobbiamo cercare di allontanare gli storni in modo da risolvere alla radice”.

La competenza sul problema, però, trattandosi di animali selvatici ricadrebbe su provincia e regione. Il Comune di Viterbo sembra però, nelle parole di Arena, pronto alla richiesta di preventivi per capire l’eventuale costo necessario per coprire l’intervento e non esclude il supporto e la consultazione dell’università.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui