Le proposte del gruppo per la lotta alla droga e alle dipendenze specie tra i giovani, dopo i recenti fatti di cronaca

Lega per la prevenzione all’uso di droghe e dipendenze patologiche: “Bisogna passare ai fatti”

135
I consiglieri Valter Rinaldo Merli e Paola Bugiotti

Abuso di droghe e dipendenze patologiche tra i giovani: interviene il gruppo della Lega di Viterbo. E’ stata discussa ieri mattina, in quarta commissione consiliare, la mozione presentata dal gruppo che ha come primi firmatari i consiglieri Valter Rinaldo Merli e Paola Bugiotti.

Il consigliere Merli ha introdotto la lettura della mozione con un invito a mantenere alta l’attenzione in tema di droga e dipendenze, “dopo gli ultimi fatti di cronaca che si sono verificati nella nostra città, vedi l’accoltellamento di via Valle Piatta con un ragazzo ancora in ospedale in condizioni serie, vedi l’aggressione di via della Pettinara con un uomo aggredito da due ragazzi ancora in coma farmacologico, l’omicidio di Norveo Fedeli e tanti altri fatti di cronaca accaduti sia nel capoluogo che in altre città d’Italia, l’ultimo di Willy a Colleferro”.

Un “problema gravoso”, come lo definisce il consigliere, che è stato già portato sul tavolo del Consiglio comunale lo scorso 8 settembre, quando il sindaco Arena aveva portato all’attenzione di maggioranza e opposizione il tema dell’abuso di alcool e droga tra i giovani. “Sul dibattito le forze politiche, senza nessun colore politico, si sono ritrovati sulla stessa lunghezza d’onda, cioè combattere tutti insieme questa piaga sociale”, ha aggiunto Merli.

Il gruppo della Lega di Viterbo

Per questo, il gruppo Lega ha deciso di tornare sull’argomento, ribadendo ancora una volta l’importanza della prevenzione in ambito di dipendenze: “Non solo parlando si riesce a combattere, ma bisogna fare i fatti”.

Tra le richieste avanzate dai leghisti al sindaco attraverso la mozione, quelle di assegnare a un rappresentante della giunta o del Consiglio comunale una delega specifica per la lotta all’utilizzo di droghe e alo sviluppo di dipendenze patologiche tra i giovani, al fine di coordinare l’azione del Comune sulla materia in questione; istituire un Osservatorio Comunale sulle droghe e dipendenze patologiche, composto da esperti, Forze dell’Ordine, rappresentanti dei servizi sociali e scolastici, Polizia Municipale, terzo settore e medici di medicina generale; di prevedere, in sede di bilancio, un apposito capitolo di spesa, il “Fondo dedicato alla lotta alla droga e alle dipendenze patologiche”; infine, di avviare sul territorio comunale, campagna informative, di sensibilizzazione e prevenzione in materia di dipendenze patologiche, da rivolgere con particolare riguardo alla fascia d’età giovanile, al contesto scolastico e al conseguente supporto alla genitorialità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui