Legambiente stila la lista dei “Comuni Rifiuti Free”, c’è Capranica ma non Viterbo. Arena: “Penalizzati dalle isole di prossimità”

278
Giovanni Arena
Il sindaco Giovanni Arena

Legambiente ha di recente pubblicato i risultati del rapporto 2019 sui “Comuni ricicloni” d’Italia.

L’indagine valuta le migliori performance dei Comuni della penisola nella gestione della raccolta differenziata, sulla base della produzione di residuo secco non riciclabile annuo per cittadino. Per ottenere la denominazione di “Comuni Rifiuti Free”, ci si deve mantenere al di sotto dei 75 chili per abitante. In testa alla classifica, i tre capoluoghi del nord-est della penisola Treviso, Pordenone e Belluno. Nel Lazio, su un totale di 378 Comuni, 10 sono quelli individuati da Legambiente come “Rifiuti Free”. Tra questi, l’unico Comune della Tuscia che compare è Capranica, con una produzione di residuo secco indifferenziato pro capite del 72,7% . Viterbo invece non compare nella lista stilata da Legambiente. In risposta il sindaco della città Giovanni Arena ha detto che “Viterbo è al di sopra della media nazionale per la raccolta differenziata, siamo intorno al 58-60%. Il centro abitato, da solo, potrebbe arrivare a toccare il 70%, ma le isole di prossimità ci penalizzano.

Nelle piccole zone intorno a Viterbo, infatti, dove ci sono ancora i secchioni, ci sono persone che non separano i vari tipi di rifiuti prima di gettarli e non comprendono l’importanza della raccolta differenziata. Nonostante ciò, a livello nazionale ci difendiamo più che bene”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui