“Light” di Simona Benedetti, l’installazione che ti rende protagonista

Visitabile dal 20 dicembre presso la chiesa di Sant’Eleuterio

464

Vivere l’arte essendo parte dell’opera stessa attraverso le emozioni e i sensi, stimolando la coscienza.

L’installazione “Light” di Simona Benedetti (idea, progetto e parole) sarà presentata all’interno della Chiesa di Sant’Eleuterio, a Nepi, e aperta al pubblico venerdì 20 dicembre alle ore 16.00.

Il progetto vede la collaborazione di Pierluigi Bruni (grafica e proiezioni), Massimo Moscatelli, Simone Gabrielli (musica), Francesco Madonna (voce), Stefano Alimelli, Claudio Chiavari (tecnici audio, video, luci), Enrico Cianfriglia (tecnico scenografo).

Un’opera fortemente legata all’ambiente circostante e al momento storico che stiamo vivendo con particolare attenzione alle stragi nel Mediterraneo. La riflessione diventa fondamentale e necessaria soprattutto in questo intenso periodo dell’anno che vede, da sempre, l’uomo confrontarsi con la sua stessa umanità.

Esplorando all’interno dell’installazione si avrà la possibilità di entrare in una dimensione dove la sinergia di proiezioni, luci, musica e parole daranno vita a quelle figure apparentemente inesistenti e dove il silenzio diventerà protagonista della scena, l’ascolto, invece, dimensione fondamentale di percezione.

Il visitatore sarà quindi chiamato a essere coprotagonista dell’installazione; sarà lui stesso a mettersi in gioco e alla fine a sentirsi coinvolto e invitato a lasciare traccia delle proprie emozioni su di un quaderno… un quaderno di viaggio.

L’installazione “Light” sarà visitabile nei giorni 20, 21 e 22 dicembre 2019 dalle ore 10.00 alle 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 19.30.

Ingresso libero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui