L’Italia dice NO all’abolizione dell’ora legale

Nel nostro Paese infatti resterà ancora in vigore il doppio orario

303

“C’è chi dice no” canta Vasco Rossi. A dire NO questa volta è l’Italia. NO all’abolizione dell’ora legale. Quest’anno noi italiani sposteremo in avanti le lancette domenica 29 Marzo e, da quel giorno, le giornate sembreranno ancora più lunghe.

Ma non sarà per l’Ultima Volta, come era stato prospettato: è infatti arrivata da poco la DECISIONE dell’ITALIA, anche se già ha creato discussioni in merito.

Nel nostro Paese infatti resterà ancora in vigore il doppio orario, solare e legale: il governo italiano ha depositato a Bruxelles una richiesta formale per mantenere intatta la situazione attuale, senza variazioni.

Il governo Conte bis non ha presentato modifiche al documento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui