“L’ospedale e il nostro territorio”, la conferenza dei servizi a Civita Castellana

Presso i locali Cup dell’ospedale Andosilla, a partire dalle ore 14,30

125
Ospedale Andosilla

L’ospedale e il nostro territorio. Parte da Civita Castellana il ciclo di conferenze locali dei servizi Facciamo Sistema 2020 nel segno della prossimità, della sostenibilità e della personalizzazione delle cure. L’appuntamento è per venerdì 31 gennaio, alle ore 14,30, presso lo spazio Cup dell’ospedale Andosilla di Civita Castellana.

L’incontro, così come annunciato nella conferenza dei servizi aziendale che si è svolta lo scorso mese di dicembre, intende diffondere in maniera capillare il messaggio di integrazione e l’impegno per la qualità dei servizi sottoscritto dai professionisti attraverso il piano strategico della Asl per il triennio 2020 – 2022.

A Civita Castellana, così come accadrà nel mese di febbraio a Tarquinia, gli operatori della sanità, gli amministratori locali e le associazioni di volontariato parleranno e si confronteranno sui percorsi e sui processi, sulle attività e sui servizi erogati presso l’ospedale Andosilla e nel Distretto C.

“Integrazione – spiega il direttore generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti – è una delle parole chiavi della conferenza locale. Integrazione tra l’Andosilla e l’intera rete ospedaliera aziendale, tra ospedale e territorio, integrazione multidisciplinare nella valutazione dei bisogni di salute”.

Nello specifico, durante il pomeriggio, verranno approfonditi numerosi argomenti, tra i quali: l’offerta anestesiologica nell’ambito delle reti aziendali, le prestazioni chirurgiche e i livelli di qualità raggiunti presso la struttura civitonica, la gestione del paziente ortopedico traumatologico. E, poi, ancora: le azioni di miglioramento e gli standard di qualità in pronto soccorso falisco all’interno della rete dell’emergenza, il potenziamento dell’offerta radiologica e i progetti di deospedalizzazione, come la dialisi peritoneale, le Centrali operative per le cronicità o la stanza di accoglienza e di integrazione socio sanitaria per i pazienti dimessi. Infine, si parlerà di come cambia l’offerta ambulatoriale, tra ospedale e territorio, delle attività del laboratorio analisi, del Punto unico di accesso, della valutazione multidisciplinare integrata per la presa in carico delle richieste di assistenza domiciliare integrata, del ruolo strategico del medico di medicina generale nel supporto ai percorsi sanitari e del progetto “Dopo di noi” nel Distretto C.

“In sintesi – conclude Daniela Donetti – la conferenza dei servizi di venerdì prossimo è una occasione importante per condividere con i professionisti le strategie aziendali, ma, ancora di più, per incontrare la popolazione, gli amministratori locali e il mondo del volontariato e per promuovere il complesso di offerta di salute che si è sviluppato in maniera articolata con l’obiettivo di fornire delle risposte efficaci ai bisogni che abbiamo registrato nel comprensorio di Civita Castellana. In particolare in questi ultimi anni, grazie ai professionisti ospedalieri e a quelli impegnati nel territorio, abbiamo raggiunto dei risultati notevoli. C’è un bel fermento e una gran voglia di farsi conoscere e di crescere. Per questa ragione mi auguro che alla conferenza del 31 gennaio partecipino molti cittadini. Il loro punto di vista è un fattore determinante per il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo preposti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui