Esclusiva!

Lux Rosae, una luce per… Rosa! Ritorna il 3 la tradizionale maratona per la Macchina

La fiaccola è portata a mano e in corsa da 18 "messaggeri" che si alternano in questa staffetta, un piccolo tratto dandosi il cambio

566

Una fiaccola per la speranza, una luce splendente per.. Rosa! Da ormai 5 anni si intraprende la maratona promossa da “Lux Rosae” che attraverso i suoi 18 podisti, partendo da una località, porta la fiaccola – simbolo di devozione per la tradizione viterbese – per accendere gli ultimi lumi sotto la Macchina di Santa Rosa. Un’iniziativa promossa e in sinergia con il Sodalizio dei Facchini  – che dà il consenso all’evento -di Santa Rosa e Avis Comunale Viterbo che si occupa della parte organizzativa e logistica.

Lux Rosae è iniziata nel 2015 con “Gloria”, l’attuale Macchina di Santa Rosa che il  2 settembre di 5 anni fa ricevette a San pietro la benedizione sacra di Papa Francesco in Vaticano. Ogni anno il tragitto della fiaccola varia: il primo anno si partì da San Pietro, il secondo da Assisi, il terzo da Amatrice, il quarto invece da Arezzo e precisamente dall’Istituto Agazzi di Arezzo. Quest’anno per il 3 si ripartirà da Roma come la prima edizione. Ogni partenza ha avuto il suo significato morale: la sacralità, la pace, il sisma, i ragazzi autistici dell’Istituto, mentre quest’anno il significato sarà presentato dal Presidente e ideatore di Lux Rosae Rodlfo Valentino alla conferenza ufficiale alla Sala Regia di Viterbo mercoledì 28 agosto.

La fiaccola è portata a mano e in corsa da 18 “messaggeri” che si alternano in questa staffetta, un piccolo tratto dandosi il cambio. Da tre anni Lux Rosae si impegna anche nella solidarietà con l’iniziativa “Centesimiamo” insieme al Sodalizio dei facchini di Santa Rosa, Avis Viterbo e altre realtà per sostenere con la beneficenza la struttura del Campo delle Rose. Il primo anno fu aiutata la Casa Famiglia del Carmine.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui