Lo scontro sulla petizione anti Arena lanciata da un giornale web

Ma dov’è finita la libera stampa? Quella che racconta i fatti e non si schiera a scatola chiusa sempre dalla stessa parte?

179

Non è mai bello per un giornale, cartaceo o web che sia, rinunciare alla libertà di espressione e schierarsi graniticamente sempre e soltanto dalla stessa, solita, parte.

Il direttore Giovanni Masotti

Un giornale indipendente come il nostro non si sarebbe mai fatto promotore di una petizione popolare per sloggiare – a prescindere da un’ elezione democratica – una giunta comunale che non è simpatica perché espressione del centro-destra (o del suo opposto). Invece qualcuno l’ha fatto, certo di avere ragione nella sua abissale parzialità e voglioso di regolamentare antichi conti e beghe locali. Forse l’ organo di stampa fautore di questa sbilenca e assurda petizione ritiene di detenere il verbo e di potersi sostituire alla Costituzione repubblicana. A noi, invece, non interessa vestire i panni degli scudieri di una determinata parte politica, ma sta a cuore solo e soltanto di raccontare i fatti e raccogliere le opinioni. Spesso le nostre idee coincidono con quelle del centro-destra, ma accade non di rado anche il contrario. Questo significa libera stampa. Non decidere a tavolino da che parte mettersi e non muoversi di un centimetro da lì, sostituendosi al giudizio popolare. Il noto media locale ha scelto invece la posizione opposta: sempre dalla stessa parte, buoni contro cattivi, angeli contro diavoli. Questa petizione anti-giunta e pro-sinistra vale poco, molto poco. Come è facile addossare le responsabilità sempre sulla stessa coalizione e glorificare il poco – davvero poco – fatto dall’ opposizione! Checché ne blateri il diffuso organo on-line della sinistra, continuiamo a preferire una giunta guidata da un viterbese doc come Giovanni Arena, brava persona, piuttosto che avventurarci in esperimenti vaghi e messi in atto da politici improvvisati. Dopodiché non sprecheremo più inchiostro per scrivere di una petizione senza né capo né coda,  partorita da una fervida fantasia e da un mucchio di astio. Un giornale faccia il giornale e non l’ organo di partito. A meno che non lo dichiari chiaramente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui