Maggi (Bassano Romano), si unisce al coro: “Riapriamo l’ospedale di Ronciglione!”

1675

Anche Emanuele Maggi, sindaco di Bassano Romano, si unisce al coro di chi vuole la riapertura dei piccoli ospedali in questo momento di crisi data dal dilagare del nuovo coronavirus. Nel particolare, si parla di riaprire le sale del Sant’Anna di Ronciglione, istituto che potrebbe aiutare l’ospedale Belcolle sul quale ricade ora il pese di quasi tutta la Provincia di Viterbo.

“In questo momento, gli sforzi economici del Governo sono e dovranno essere tutti concentrati nel rafforzamento degli strumenti di tutela del reddito dei lavoratori e della produttività delle imprese, vittime di una brutalità senza precedenti generata da questa pandemia”, scrive Maggi, “Ma tra le risorse stanziate e quelle ancora da stanziare, non si può non pensare ad un irrobustimento dell’offerta sanitaria nei territori”.

“Non solo quindi, assumendo medici ed infermieri, come correttamente si sta facendo, ma proseguendo ancora con l’investire nei presidi sanitari, smantellati via via negli anni, e che hanno rappresentato un riferimento per le comunità con difficoltà di connessione infrastrutturale e/o con particolarità di conformazione del territorio – continua – Riaprire i piccoli ospedali, significa ridare speranza alle comunità, aumentare l’offerta di cura investendo nella qualità, rispettando gli standard necessari. Significa avere più posti letto e più possibilità di essere curati”.

“È certamente un ulteriore sforzo in termini di spesa pubblica – dichiara il primo cittadino di Bassano Romano – ma uno Stato che non investe in sanità, lavoro ed istruzione, sta semplicemente venendo meno alle sue funzioni. E oggi più che mai ci accorgiamo di quanto sia indispensabile”.

“Mi auguro che un dibattito di tale portata possa iniziare ed in fretta anche a livello europeo. Per consentire agli Stati membri di operare in questa direzione, allentando la morsa di regole europee che hanno soffocato comunità ed investimenti, per un “rigore di virtù” che non ha portato a nulla di esaltante”, aggiunge il sindaco, promuovendo infine la riapertura dell’ospedale di Ronciglione, già richiesta a gran voce dal sindaco Mario Mengoni e da molti altri “colleghi” della Tuscia.

“E magari, anche noi, potremmo riavere il nostro ospedale di zona, così come in tante altre parti d’Italia. Ci servono più ospedali, ci serve l’Ospedale di Ronciglione: RIAPRIAMOLO!”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui