Maradona? Un immenso calciatore. Ma, per favore, lasciate perdere Dio!

152
Il direttore Giovanni Masotti

Maradona come Dio, Maradona angelo caduto dal cielo, Maradona esempio di vita (?) e modello per le giovani generazioni. Per molti giorni, sui media di quasi tutto il mondo, abbiamo assistito alla glorificazione assoluta e scriteriata del “pibe de oro”, diventato improvvisamente più importante degli eventi gravi e determinanti che stanno segnando e condizionando il presente e il futuro del pianeta. Onore e gloria – così la penso io – al magnifico calciatore che ha fatto sognare Napoli e Buenos Aires, ma per favore non esageriamo! Campione sull’ erba sì, santo proprio no. Il velo sacrale della morte non può oscurare la realtà di un uomo assai discutibile e la sua esistenza al di là delle regole. Addio con le lacrime al grande e spericolato Dieguito, ma fermiamoci qui. Celebrare un fuoriclasse non significa rinchiuderne la memoria e l’ eco in uno stadio. C’è dell’ altro oltre alle gradinate affollate da migliaia di tifosi e all’ entusiasmo creato da un fantastico goal. L’ omaggio più bello a Maradona sarebbe stato quello di darne un ritratto coraggioso e a tutto tondo, non quello di issarlo d’ un colpo sull’ Olimpo dei semidei. No, non era un Dio quel funambolico numero 10.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui