Il 22 luglio dalle 20,30 a Tarquinia sulla terrazza del Namo Ristobottega

Marco Guidolotti in concerto per “Cookin’Jazz”

167
tarquinia

Tarquinia – Marco Guidolotti in concerto per “Cookin’Jazz”, la rassegna tra buona musica e buona cucina organizzata dai ristoranti Arcadia, Cavatappi, Namo Ristobottega, nell’ambito di WeTarquinia, progetto di promozione e valorizzazione della città e del suo territorio. Accompagnato da Felice Tazzini, al piano, e Raffaele Toninelli, al contrabbasso, Guidolotti (sax) si esibirà il 22 luglio, dalle ore 20,30, sulla terrazza del Namo Ristobottega (via Giovanni Battista Marzi), a pochi passi dalla cinta muraria del centro storico tarquiniese.
“È un musicista di primissimo piano nel panorama del jazz italiano e averlo ospite di “Cookin’Jazz” è un piacere e un onore – dichiara Tiziana Favi, del Namo Ristobottega -. Per la serata proporremo un menù degustazione interamente a chilometri zero, con i prodotti delle aziende agricole La Selciatella e Borzacchi e i vini della Tenuta Sant’Isidoro e di Muscari Tomajoli. Per informazioni e prenotazioni è possibile chiamare lo 0766 731337”.
Diplomato in clarinetto al conservatorio “Alfredo Casella” de L’Aquila, Guidolotti si è poi laureato in musica jazz al conservatorio “Santa Cecilia” di Roma. Collabora stabilmente Rai e Mediaset. Ha suonato in prestigiosi teatri e festival internazionali e ha collaborato con Ennio Morricone, Woody Allen, David Foster, Armando Trovajoli, Dave Liebman, Enrico Pieranunzi, Roberto Gatto, Stefano Di Battista, Mario Biondi, Dee dee Bridgewater, Danilo Rea, Paolo Damiani, Alex Britti, Andrea Bocelli. Nel 2010 ha vinto il “Premio Internazionale Massimo Urbani”.
Ha registrato dischi con Paolo Damiani, Stefano di Battista e Nicky Nicolai, Gabin, Ialsax Quartet, Cinzia Tedesco, Samuele Bersani, Daniele Luttazzi, Regina Rogers, Franco Califano. Svolge un’intensa attività artistica che lo vede impegnato in grandi eventi musicali e tour teatrali con il Sistina, il Gran Teatro, il Brancaccio, l’Auditorium Parco della Musica di Roma e l’Arcimboldi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui