Solidarietà e vicinanza dell' impero rosso? Una solenne baggianata di Di Maio.

Mascherine e ventilatori in “dono” da Pechino? Macché… Paghiamo e pagheremo tutto!

1718

Altro che “amici cari”. Altro che solidarietà affettuosa e spassionata. Imbecilli e pericolosi quelli che ci hanno creduto e hanno osannato le virtù del governo – e del popolo – cinese! Tutte cazzate. Tutta propaganda del ferreo regime rosso di Xi, che vuole rifarsi a tempo di record una verginità dopo aver appestato il mondo – e soprattutto noi poveretti – per poter rilanciare a spron battuto il suo micidiale export costruito su intrighi e ricatti.

Il direttore Giovanni Masotti

 

Una mastodontica operazione di make-up, che in Italia ha trovato sponda facile e acquiescente in quell’irresponsabile catapultato per meriti grillini al Ministero degli Esteri che risponde al nome di Giggino Di Maio bibitaro del San Paolo, già fregiatosi dell’ augusto merito di avere inserito il nostro paese – unico in Occidente – nel percorso mondiale del futuribile dominio cinese, quella Via della Seta che tanto fa infuriare i nostri alleati americani con grave danno per le relazioni bilaterali.

Ma perché vi dico questo? Perché vi parlo con (giustificato) astio dei timonieri di Pechino e dintorni e del loro “gregge” guidato con la frusta consona a una dittatura? Perché, anime candide e superstiti pentastellati dalle appassite magnificenti speranze, sono bastate poche decine di ore per smontare la storiella della generosità cinese. Signori cari che avete abboccato all’amo del prono Di Maio, dovete sapere che MASCHERINE, RESPIRATORI AUTOMATICI E VARIE ALTRE MODERNE ATTREZZATURE SANITARIE NON CI SONO STATE AFFATTO DONATE DAL POTENTE NUOVO MAO CHE PERSEGUE IL PRIMATO DELL’ IMPERO COMUNISTA. NO… È TUTTO E SOLO UN BUSINESS! PAGHIAMO E PAGHEREMO OGNI “DONO” FINO ALL’ ULTIMO CENTESIMO! Tranne qualche aiuto strappato attraverso i canali della nostra Croce Rossa, QUEI SIGNORI CON GLI OCCHI A MANDORLA CHE HANNO COMPRATO INTERE ZONE DELLE NOSTRE METROPOLI (A PARTIRE DA MILANO E ROMA) NON CI REGALANO PROPRIO UN’ACCA. UNA GRANDE PATACCA MESSA SU DALLA LORO POTENTE MACCHINA COMUNICATIVA E DA CHI CI VUOLE RICAVARE UN FACILE SGABELLO PER RAFFORZARE IL SUO PENCOLANTE POTERE, IL FURBO GIGGINO! CHE LO SAPPIATE TUTTI… A SCANSO DI EQUIVOCI E DI RINGRAZIAMENTI ASSOLUTAMENTE RIDICOLI. MA GRAZIE DI CHEEE?!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui