Medici a scuola, test sierologici obbligatori per il personale e misurazione temperatura dal 14 settembre

114

Test sierologici per tutti i docenti e anche per gli studenti, presi a campione;  un medico per ogni scuola, un addetto alla misurazione della febbre all’ingresso e le mascherine da indossare obbligatoriam e da smaltire regolarmente: sono queste alcune delle misure di sicurezza per il rientro a scuola a settembre, contenute in un protocollo di intesa al vaglio del ministero dell’istruzione e dei sindacati.

Dovranno essere individuate inoltre aule aggiuntive nei musei e percorsi guidati, di entrata e di uscita, negli istituti. Il protocollo di intesa contiene le linee che le scuole dovranno seguire nel rispetto delle regole anti-Covid.

A tutto il personale scolastico verrà misurata la temperatura corporea prima di accedere ai locali, da parte di una persona designata dal Dirigente Scolastico adeguatamente formata, preferibilmente scegliendo tra gli addetti al primo soccorso: con 37.5 non si entra a scuola!

Per garantire gli spazi adeguati in base alla necessità di distanziamento, il ministero dell’istruzione fornirà al Ministero per i beni culturali il quadro di esigenze di spazi aggiuntivi da individuare nei musei, teatri o biblioteche statali. Le scuole autonomamente possono organizzare nuove aule anche nella palestra o nei laboratori.
Ci saranno segnaletica e adesivi in terra per indicare i punti di ingresso e i punti di uscita dalla struttura scolastica. L’obiettivo è ridurre al minimo le possibilità di incrocio dei flussi.

L’accesso agli spazi comuni, come ad esempio i corridoi, deve essere ridotto al minimo indispensabile e contingentato mentre tutto gli spazi adeguatamente areati e ventilati.

L’utilizzo dei locali adibiti a mensa scolastica è consentito nel rispetto delle regole del distanziamento sociale e quindi, ove possibile, bisognerà prevedere l’erogazione dei pasti per fasce orarie differenziate. Per quanto riguarda le aree di distribuzione di bevande e snack, il preside definirà un regolamento per evitare il rischio di assembramento e il mancato rispetto delle distanze di sicurezza.

Presso l’Istituto Superiore di Sanità è attivo un tavolo di lavoro per un documento operativo per il monitoraggio e il controllo Sars-COV 2019: dovrebbe essere pronto entro la metà di agosto, con le modalità nazionali di risposta a potenziali focolai da COVID 19 dopo la riapertura delle scuole.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui