Mercato al Carmine, storia di un disastro annunciato

Tutti gli ambulanti hanno aderito alla manifestazione lasciando l’area completamente deserta

323
Mercato Carmine

Doveva essere il giorno della verità, ed infatti lo è stato. Il primo sabato di mercato al Carmine è stato un disastro che, purtroppo, era più che prevedibile.

All’alba si sono presentati i primi ambulanti in via Filiberto Boccacci ma, dopo un breve summit durato fino alle 8:30, hanno deciso all’unanimità di smontare tutto ed andare a protestare, tra l’incredulità generale di chi era accorso per fare acquisti.

C’è stato anche un piccolo battibecco per decidere dove posizionare le bancarelle del fruttivendolo e del pescivendolo che ormai da anni svolgono il mercato del sabato ma che oggi hanno rischiato di rimanere a bocca asciutta.

I vigili urbani, capite le intenzioni degli altri commercianti, hanno deciso di autorizzare il fruttivendolo e il pescivendolo, facendogli allestire le proprie bancarelle. Alla luce di ciò, possiamo dire che gli unici vincitori di questa vicenda per ora sono loro.

La voce della possibile protesta degli ambulanti si era sparsa, ma l’incertezza ha resistito fino a stamani quando i più “estremisti” hanno convinto gli indecisi.

Ora vedremo come reagirà la giunta a questa ennesima prova di forza, l’impressione è che Arena avrà molto filo da torcere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui