Mercatone Uno, proteste sui social: “Ridate lavoro a chi lo ha perso malamente”

In tutta Italia si sta chiedendo la formazione del nuovo organo di garnzia per la tutela dei lavoratori della ex - holding.

Continuano sui social le proteste a favore degli ex dipendenti di Mercatone Uno trovatosi senza lavoro a ciel sereno lo scorso mese dopo il post Facebook della holding che dichiarava la chiusura della catena in Italia mettendo in ginocchio più di 50 famiglie.

Un post dell’ultima ora, che sta riscontrando molti “follower”, cita che la Diocesi di una prestigiosa località italiana ospiterebbe 43 migranti della “SeaWatch” e continua:” Se vuole possiamo darli 43 padri italiani di Mercatone Uno” come per simboleggiare la difficoltà odierna dei disoccupati che nell’ultimo periodo hanno ottenuto la cassa di integrazione.

In tutta Italia si sta chiedendo la formazione del nuovo organo di garanzia per la tutela dei lavoratori della ex – holding. Dopo Viterbo anche a Monterosi sperano in uno spiraglio di luce vista la situazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui