Migranti, calato il numero nei centri d’accoglienza in provincia

Il Decreto Salvini ha ridotto e tagliato alcune agevolazioni portando molte associazioni e cooperative alla rinuncia del bando dello scorso maggio fino a licenziare alcuni operatori all'interno.

382
prefettura-viterbo

Dimezzato il numero di migranti accolti nei centri d’accoglienza nella Provincia di Viterbo. Il nuovo bando emesso dalla Prefettura , attivo dal 31 maggio fino ad aprile del 2021, prevede 1500 posti. Allo stato attuale solo 600 sono i richiedenti asilo ospitati, negli anni passati le presenze erano arrivate a 1700 per poi scendere sempre più.

Il Decreto Salvini ha ridotto e tagliato alcune agevolazioni portando molte associazioni e cooperative alla rinuncia del bando dello scorso maggio fino a licenziare alcuni operatori all’interno. Anche il prezzo d’asta è cambiato: dai 35 euro giornalieri si è passati a 18 ( per chi ha inserito nel band la soluzione degli appartamenti singoli), 23 euro per i centri fino a 50 posti e quasi 22 euro per le strutture che partono dai 50 fino ai 300 posti camera.

Il bando prevede 525 posti per singole unità abitative tra cui 21 tra Graffignano e Viterbo ( vinto da “Fattoria”), 95 tra Viterbo, Montefiascone, Bagnaia, Tuscania, Tarquinia e Capranica ( vinto da “Alice Nova”), 50 tra Montefiascone, Vetralla, Nepi e Viterbo (vinto dalla “Splendid”) ed infine 50 posti a Vetralla (vinti da “Nuove Frontiere”).

La gara invece per la finalità dei 300 posti è stata vinta da “Di Mari Orte”, 150 da Medihopes e 200 Balletti Palace Hotel.

I migranti ospitati dalle cooperative provengono dall’Africa, Pakistan e Bangladesh.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui