L'ultima mostruosità della sinistra comunista e odiatrice

Mihajlovic lotta contro un tumore e vota Salvini. Loro gli augurano di morire!

Il "Tweet" del direttore: "Da sinistra alcuni - più bestie che uomini - gli hanno augurato sui social di essere finito dal tumore che lo divora..."

517

L’odio cieco, brutale, contro un debole, un malato, uno che da mesi e mesi lotta caparbiamente per sopravvivere, che continua a lavorare, che non si rassegna, che ama la sua famiglia e si fa forza grazie all’affetto della moglie e dei figli, tenaci e appassionati come lui.

Il direttore Giovanni Masotti
Foto di Erika Orsini

Parliamo dell’ex-calciatore, da anni allenatore, Sinisa Mihajlovic, un grande che sfida il brutto male che vuole sopprimerlo, che lo consuma da dentro. Ebbene, l’attuale trainer del Bologna, che voterà alle regionali di Emilia-Romagna, ha osato affermare che nelle urne sceglierà Salvini e la Borgonzoni.

Non l’avesse mai fatto! Al bando l’umanità, chissenefrega del rispetto, si vada a fottere la sua sofferenza… Da sinistra alcuni – più bestie che uomini – gli hanno augurato sui social di essere finito dal tumore che lo divora, di andarsene per sempre, di scomparire dalla faccia della terra!

Nausea, disgusto, orrore dentro di me. E poi ripetono e gridano che gli odiatori sono a destra! Si vergognino e, cristianamente, si pentano. Proviamo schifo, ma non auguriamo il male a nessuno. Questa è la differenza che ci separa dai comunisti o post-comunisti o saltellanti sardine che siano. L’ odio è loro, è nei loro cromosomi! Non li abbandonerà mai.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui