Nella squadra del Governo Draghi più politici che tecnici

Mille auguri, Presidente! Ma Di Maio, Lamorgese e Speranza poteva risparmiarceli

557
Il direttore Giovanni Masotti

Chi si aspettava un “piazza pulita” nella composizione del governo Draghi sperava troppo e sperava male.

E’ vero che i ministri politici sono più dei tecnici, ma è vero anche che l’ex-presidente della BCE non poteva indispettire i partiti che lo sostengono al primo colpo, creando casi e malumori pericolosi già all’ avvio del cammino del nuovo esecutivo. È comprensibile, dunque, che Supermario abbia dovuto ricorrere alle sottili arti del compromesso.

Comprendiamo bene, perciò, il senso e la complessità della sua fatica. Tuttavia ci sono alcune conferme che non avremmo voluto vedere. E le diciamo subito: Di Maio agli Esteri è la negazione di un’ Italia che sappia farsi apprezzare e rispettare nel mondo. Lamorgese agli Interni è l’incarnazione di una linea incerta e debole sull’ immigrazione. Speranza alla Salute è la perpetuazione di un atteggiamento ondivago e ritardatario nella lotta al Covid. Per il resto, presidente, mille auguri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui