Minori violentate, difesa del pakistano in contropiede: “I filmati non provano nulla di certo”

Gli avvocati dell'indagato, De Santis e Bernini, hanno presentato ricorso al riesame: “Stiamo passando in rassegna i video e anche l’audizione delle minori”

0
124
Pakistano - violenza minori

“Lunedì scadeva il termine per il riesame e lo abbiamo depositato. Inoltre, in questi giorni stiamo passando in rassegna il video sia delle telecamere di sicurezza sia del tabaccaio, ma anche il filmato dell’audizione assistita delle minori. Dalle prime visioni ci stiamo convincendo che è sempre meno certa l’individuazione del nostro assistito. Entro i prossimi giorni scioglieremo il nodo riesame”. Sono le parole dell’avvocato Samuele De Santis, difensore del pakistano accusato di violenza nei confronti di due ragazzine di 11 e 13 anni: una viterbese e l’altra europea.

Pakistano - violenza minoriLe due bambine furono importunate, secondo l’accusa, dal 29enne asiatico che il 2 maggio scorso, nello stesso giorno, seguì le ragazzine nella centralissima piazza San Faustino (ormai la famigerata San Faustino). Per fortuna le due riuscirono a fuggire dalle premure esagerate (eufemismo) dell’uomo. Dopo il racconto impaurito delle ragazzine ai genitori e la denuncia di questi, gli agenti della mobile della questura si misero in moto e in breve tempo si arrivò all’arresto dell’indagato. Era l’alba di sabato 1 giugno, e in questura la stampa fu chiamata dai vertici della polizia provinciale. Che raccontarono la vicenda e assicurarono la popolazione che “le forze di polizia lavorano per garantire la sicurezza pubblica”.

Ma gli avvocati difensori dell’indagato non ci stanno, e sono pronti a smontare il castello accusatorio. Partendo proprio dal mettere in discussione i filmati delle videocamere che hanno ripreso un uomo – il pakistano, secondo il pm Chiara Capezzuto che coordina le indagini preliminari – intento a seguire una delle due minori presunte vittime.

Samuele De Santis avvocato
Avvocato Samuele De Santis, difensore del pakistano accusato di violenza nei confronti di due minorenni

Allora, non resta che aspettare l’esito del riesame chiesto dai difensori del 29enne residente a Viterbo con regolare contratto di lavoro in un’azienda agricola; il quale da qualche giorno è recluso a Mammagialla dopo l’ordinanza della misura cautelare della custodia in carcere, emanata dal giudice per le indagini preliminari Francesco Rigato. Oltre a De Santis, l’indagato è difeso dall’avvocatessa Marina Bernini.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here