Nuovo colpo di scena sul decesso della trentenne

Misteri di cronaca. Morte Dora Lagreca, l’avvocato: “Il fidanzato le controllava il cellulare con un’app”

193

“Con un’applicazione scaricato sul suo smartphone, il fidanzato Antonio Capasso controllava quello della fidanzata Dora Lagreca”.
Un nuovo colpo di scena sulla morte della trentenne originaria di Montesano sulla Marcellana (in provincia di Salerno), che nella notte tra l’8 e il 9 ottobre è precipitata dal quarto piano di una palazzina di via di Giuria, a Potenza, dove di trovava con il fidanzato, di rientri da una serata trascorsa con gli amici.

L’avvocato della famiglia di Dora, Renivaldo Lagreca, è intervenuto in collegamento alla trasmissione di Rete4 “Quarto Grado”, ribadendo che la famiglia di Dora ha saputo della tragedia solo dai carabinieri e non dal fidanzato Antonio, che non avrebbe più avuto con loro alcun contatto. Il giovane di 29 anni risulta indagato per istigazione al suicidio nell’ambito delle indagini sulla morte di Dora Lagreca.

Durante la trasmissione, si è parlato ancora una volta della gelosia che entrambi avrebbero nutrito uno nei confronti dell’altra e viceversa. “Un amore tossico” è stato definito quello tra Dora e Antonio, fatto di frequenti discussioni e liti.

E sarebbe stata proprio la forte gelosia a spingere l’uomo a “controllare” il cellulare della trentenne. A confermarlo in trasmissione è stato proprio l’avvocato Lagreca che ha parlato di una app con cui Antonio, appunto, avrebbe potuto controllare tutti i messaggi che la donna inviava: “È quanto mi hanno riferito ed è uno dei temi di indagini che sottoporrò agli inquirenti”, ha detto l’avvocato della famiglia di Dora, precisando comunque di non sapere ancora se questa notizia è verificata.

Sul caso di Dora Lagreca, nel tentativo di difendere dalle accuse il giovane indagato, nei giorni scorsi è intervenuto anche l’avvocato Domenico Stigliani, legale di Capasso, che ha denunciato “ricostruzioni fantasiose e non rispondenti al vero” sui media annunciando che non parlerà più della vicenda. Ai carabinieri Capasso avrebbe raccontato subito dopo la tragedia che, dopo una discussione, la giovane si era volontariamente gettata dal balcone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui