MOBILITA’ ERASMUS+ a Kalamoti (Grecia) dell’ITE Paolo Savi di Viterbo

103

Ultima mobilità del progetto Healthy bodies, healthy minds per gli studenti dell’ITE Paolo Savi di Viterbo: un gruppo di 6 alunni delle classi I, II e III dell’istituto, accompagnati dalle professoresse LorettaGoracci e Paola Guerrini, si è recato a Keramoti in Grecia dal 7 al 14 maggio, ospite del liceo cittadino per l’ultima tappa del progetto multilaterale triennale il cui tema è il benessere sociale. Gli altri paesi partners convenuti in Grecia sono: la Romania, paese coordinatore, la Polonia, la Turchia e la Spagna.

Nel corso dei tre anni il tema del benessere è stato declinato sotto molteplici aspetti: benessere spirituale (Turchia), benessere intellettuale (Romania), benessere ambientale (Italia), benessere fisico (Polonia), benessere emotivo (Spagna) e benessere sociale (Grecia). Quest’ultima tappa è stata particolarmente significativa anche per la presenza “fisica” di docenti e studenti di tutte le commissioni delle varie nazioni, mentre a causa del COVID in varie mobilità alcuni paesi sono stati costretti a partecipare online.

Nel corso della settimana si sono alternati momenti di riflessione e di attività a scuola in cui si è privilegiato il lavoro in gruppi transnazionali con modalità di pedagogia attiva, ed escursioni allascoperta e conoscenza del territorio e della sua storia. Si è avuta l’opportunità di andare all’isola di Thasos e visitare Limenas, l’Antica Agorà, il Teatro greco e il Porto Vecchio. Si è percorso il sentiero naturalistico Toxotes-Stavroupoli lungo il corso del fiume Nestos,visitato Porto Lagos e la città vecchia di Xanthi con il locale museo del Folklore e della Storia, l’area archeologica di Filippi e, a Kavala,l’Imaret e la casa di Mohamet Ali, la Città Vecchia con il Castello e il monumentale acquedotto ottomano.

Come sottolineato dalla Dirigente Scolastica, professoressa Paola Bugiotti, “l’ultima mobilità di questo progetto chiude tre anni diintenso lavoro che ha saputo superare le difficoltà e le barriere causate dalla pandemia. Un successo che ci rende fieri dei nostri studenti che, nonostante abbiano affrontato anche delle mobilità virtuali, non hanno perso l’entusiasmo e la voglia di mettersi in gioco nel pieno spirito della dimensione internazionale che caratterizza l’istituto Paolo Savi”.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui