Montefiascone, il Pd boccia la giunta Paolini

Frallicciardi: "Pensano solo agli interessi personali"

445
Rimpasto Giunta
Il palazzo comunale di Montefiascone

Una solenne bocciatura su tutti i fronti per la giunta Paolini. Il neosegretario Pd di Montefiascone, Vincenzo Frallicciardi, attacca l’amministrazione comunale.
“Alle recenti elezioni del Consiglio provinciale risulta stato eletto a Montefiascone il consigliere comunale Sandro Leonardi, sostenuto da tutta la maggioranza di governo del Comune a eccezione della Lega che aveva un proprio candidato. Questo significa che l’attuale amministrazione comunale ormai non è più espressione della lista civica “Il Melograno” ma rappresenta un vero e proprio monocolore dei Fratelli d’Italia, in cui ci si ritrova anche il sindaco Massimo Paolini ormai ex socialista di fatto.
Questo per carità è legittimo, ma che i cittadini sappiano”.

 

Vincenzo Frallicciardi, segretario Pd Montefiascone

Ma quello che preoccupa di più il Pd locale è “l’approssimazione e la pochezza dei provvedimenti amministrativi che sono attuati o che, ancora peggio, non sono adottati”. Frallicciardi ne fa un elenco: uno.

“La società compartecipata Villa Serena che da oltre un anno e mezzo è in attesa dell’emanazione del
bando per l’ingresso di un nuovo socio privato che acquisisca il 49% del capitale sociale, oggi integralmente in quota al Comune dopo averlo di fatto dimezzato liquidando il socio privato cedente”.
Due. “La società compartecipata Cobalb spa, che con la sentenza del Tar del 16 dicembre scorso, è stata messa in liquidazione. In sostanza è fallita la società di cui il Comune di Montefiascone detiene il 21,3% delle azioni. L’amministrazione Paolini sostiene che detta società dovrà essere assorbita da Talete gestore dell’Ato della provincia di Viterbo. A nostro avviso l’ottimismo paventato è eccessivo e semplicistico, viste le oggettive difficoltà di bilancio in cui già versa Talete e che, pertanto, difficilmente sarà disponibile ad accollarsi di ulteriori debiti, tra l’altro ancora da accertare. Debiti accumulati dal Cobalb di cui fanno parte Comuni come San Lorenzo, Capodimonte e Gradoli che neanche hanno aderito a Talete.

Ecco perché il Partito democratico di Montefiascone esprime la forte preoccupazione per le possibili ripercussioni del fallimento del Cobalb e il conseguente rischio di dissesto finanziario per il nostro Comune”.
Inoltre, continua il segretario Pd, “assistiamo con sconcerto alla perdita del ruolo di indirizzo e stimolo che il Comune di Montefiascone ha esercitato per tanti anni sui grandi temi nel bacino territoriale di appartenenza, di fatto
senza mai proporre una propria soluzione ma accodandosi, nella migliore delle ipotesi, alle proposte di altre amministrazioni meno rappresentative”.

Da qui: “Purtroppo i danni che ne stanno derivando li pagheremo per molto tempo e tutto questo per l’incapacità amministrativa di chi ci rappresenta. Questi sono solo alcuni esempi dell’inefficienza dell’attuale amministrazione comunale di Montefiascone che è sempre più distratta dal dover soddisfare gli interessi privati e di pochi adepti trascurando, invece, la tutela dell’interesse generale dei cittadini di Montefiascone”.

Fra un anno e mezzo si rinnova il Consiglio comunale: “Manca poco più di un anno alle prossime elezioni comunali e i cittadini di Montefiascone saranno chiamati a esprimere un giudizio sull’operato del sindaco Paolini e della sua giunta; per il Partito democratico e il
gruppo consiliare di opposizione non ci sono dubbi: la giunta è bocciata”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui