Morsi e botte alla moglie, condannato un 39enne

L'uomo è stato condannato a 1 anno e due mesi per lesioni e maltrattamenti familiari davanti il giudice Silvia Mattei dopo la richiesta del legale difensore Luca Nisi che richiedeva il patteggiamento.

271
violenza stupro donne

E’ stato condannato ieri in mattinata il 39enne che prese a morsi la moglie davanti ai suoi figli. L’accaduto risale durante le festività natalizie del 26 dicembre quando D. M., di origine rumena, morse la donna sulla testa e sulle orecchie per poi chiuderla in camera senza telefono per evitarle la fuga.

L’uomo è stato condannato a 1 anno e due mesi per lesioni e maltrattamenti familiari davanti il giudice Silvia Mattei dopo la richiesta del legale difensore Luca Nisi che richiedeva il patteggiamento.

D. M., residente a Viterbo, preso dalla gelosia avrebbe impedito alla moglie di andare ad accudire la madre malata in Romania prendendola a botte e mordendola nella loro abitazione di Bagnaia.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui