Morto “Baffino” (Roberto Ubaldi) a 41 anni. Domani i funerali

190

Morto “Baffino” (Roberto Ubaldi) a 41 anni. Domani i funerali alle 14:30 al Santuario di Santa Rosa.

“Le notizie che sai che, purtroppo, devono arrivare, ma che fino all’ultimo momento speri che non giungano mai.
In questa giornata di sole la luce è offuscata proprio da quella tragica notizia.
Dopo una lunga ed estenuante lotta contro un male inesorabile, Roberto “Baffino” Ubaldi ci ha lasciati.
Il cuore a pezzi, lacrime e profonda tristezza sui volti di tutti quelli come noi che gli hanno voluto bene, che hanno amato, la sua allegria, il suo carattere gioviale e scherzoso, da vero re degli amici.
Insieme ad un altro gruppo di amici, Roberto era entrato a far parte dei Facchini nel 2011, conquistando subito la simpatia di tutti, con quei baffetti che da subito gli hanno valso il nomignolo di Baffino.
Un sorriso accattivante, una voglia di vivere e un dinamismo inarrestabili.
Sempre presente e disponibile in tutte le attività del Sodalizio, con grande spirito di abnegazione ed entusiasmo inesauribile, Roberto era diventato un punto di riferimento, ed ora che ci è stato tolto ci sentiamo tutti un po’ smarriti.
Tuttavia, la sua presenza nei nostri cuori, nel nostro pensiero, continuerà ad aiutarci ad affrontare la vita, perché il suo sorriso rimarrà impresso, scolpito nella nostra mente.
In questo momento di profondo dolore siamo tutti ora più che mai vicini a Ilaria la moglie, alla figlioletta Sara, alla mamma Marina , al fratello Aldo e a tutti i famigliari.
Domani 15 novembre alle 14.30, presso il Santuario della sua e nostra Rosina daremo l’ultimo saluto al nostro Roberto, con i nostri simboli ed un picchetto in divisa, quella divisa che ha tanto amato ed onorato.
Rosa ti accoglierà con amore e benevolenza, per presentarti al cospetto del Padre Celeste.
Ciao Baffino, da oggi in poi la vita di tutti noi non sarà più la stessa, ci mancherà la tua allegria contagiosa, di cui godranno sicuramente tutti i tuoi e nostri cari che incontrerai.

I Facchini di Santa Rosa.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui