Nei play-off c’è l’esame Arezzo, il sogno parte da domani

Un sorteggio che, probabilmente, non scontenta nessuna delle due.

351
Viterbese-Monza

Ci siamo. L’attesa per i play-off sta per finire in casa Viterbese. Domani, infatti, la corsa verso la Serie B comincia ufficialmente anche per i gialloblù. L’urna di Firenze ha scelto l’Arezzo come avversario della prima fase nazionale. Le due squadre sono pronte a darsi battaglia per 180’, visto che la qualificazione si ottiene al termine delle gare di andata e ritorno. Il primo round si gioca domani alle 18:00 al “Città di Arezzo”, mentre il ritorno sarà mercoledì 22 maggio alle 20:30 a Viterbo.

Un sorteggio che, probabilmente, non scontenta nessuna delle due. Entrambe, infatti, hanno evitato sia alcune corazzate che potevano essere pescate sia trasferte molto lunghe. Ciò non significa affatto che l’Arezzo di Del Canto sia un avversario comodo, tutt’altro. La squadra toscana è arrivata quarta nel girone A e ha già giocato un turno in questi play-off, superando il Novara. Un 2-2 sofferto, pareggio interno che è bastato a passare il turno in virtù della regola del miglior piazzamento in campionato. Inoltre, gli amaranto subiscono pochissimi goal, hanno perso soltanto cinque volte in questa stagione e non perdono in casa da sedici mesi. Il 4-3-1-2 è il modulo preferito, molto solido e che vede in Aniello Cutolo la stella principale.

La Viterbese, invece, arriva a questo appuntamento carica a mille dopo la storica vittoria della Coppa Italia. Inoltre, si presenta ad Arezzo anche riposata grazie ad una settimana e mezzo senza partite, evento raro in questa tribolata stagione. Periodo utilizzato al meglio per allenarsi, ricaricare le pile e recuperare qualche acciaccato. Gli uomini di Rigoli, allora, sono pronti sia moralmente che fisicamente per questa doppia sfida. Il modulo dovrebbe rimanere il 3-5-2, con Polidori inamovibile in attacco, desideroso di non tradire la legge degli ex.

L’entusiasmo dei tifosi è alto e non potrebbe essere altrimenti dopo la notte dell’8 maggio. La sensazione è che Viterbese e Arezzo se la giocheranno, potenzialmente, alla pari, consapevoli entrambe che l’ostacolo non è insuperabile. I gialloblù hanno il vantaggio di essere testa di serie, potendo contare su due benefici. Il ritorno in casa, magari in un “Rocchi” di nuovo versione catino, e la possibilità di passare anche in parità di reti tra andata e ritorno. Tutte situazioni che, quindi, fanno ben sperare per continuare a sognare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui