Nepi, alunni dell’I.C Stradella cantanti al Teatro Argentina

Lo slogan del progetto “… perché cantando s’impara!”, ha interessato, con ampia soddisfazione dei diretti protagonisti, 36 alunni tra scuola primaria e secondaria di primo grado dell'istituto

foto Scuola InCanto 31 maggio 2019

L’IC A. Stradella ha partecipato presso il Teatro Argentina di Roma all’evento conclusivo di “Scuola InCanto”, riconosciuto come progetto di eccellenza dal Ministero della Pubblica Istruzione e dalla Regione Lazio e promosso con l’intento di appassionare le nuove generazioni all’opera lirica, mediante un coinvolgimento diretto di scuole, famiglie e teatri.

Lo slogan del progetto “… perché cantando s’impara!”, ha interessato, con ampia soddisfazione dei diretti protagonisti, 36 alunni tra scuola primaria e secondaria di primo grado dell’istituto, i quali, sotto la preziosa guida delle docenti di educazione musicale Luzzietti, Rolando e Sanapo e delle maestre, hanno seguito un accurato percorso di preparazione di brani della Turandot.

Finalmente il 31 maggio scorso, insieme a moltissimi altri studenti e docenti, hanno preso parte attivamente alla messa in scena del grande capolavoro di Puccini, cantando alcuni brani dell’opera e salendo per la prima volta sul palcoscenico del prestigioso teatro Argentina di Roma.

Lo spettacolo è stato il coronamento di un lavoro scrupoloso fatto a scuola con gli insegnanti e a casa con le famiglie, grazie a specifici strumenti e a supporti didattici forniti ai partecipanti direttamente da Europa InCanto, che hanno permesso un apprendimento facilitato e divertente dell’opera lirica.

La realizzazione dielementi dei costumi e degli attrezzi di scena,grazie al supporto rilevantedel docente di Tecnologia Scarici, hadato il tocco finale agli alunni per immettersinell’atmosfera magica dell’opera.

Lo spettacolo ha visto protagonisti sul palco gli alunni insieme adattori e acantanti lirici professionisti e in platea e nei palchetti genitori, zie e nonni dei piccoli cantanti, per tributare loro applausi fragorosi ed interminabili.

Esperienza indimenticabile, questa, per gli alunni coinvolti, per la sua straordinaria capacità di propagandare l’immenso patrimonio operistico italiano, di emozionare attraversol’esecuzione di canti, movimenti scenici e coreografici e di dar vita ad una grandefesta della musica e del teatro.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui